Costa Ferreira fa gioire il Lecce. Catania k.o. e fuori dalla zona play-off

Sconfitta esterna per la squadra di Pulvirenti.

di Redazione ITASportPress

Il Catania esce sconfitto da Lecce col punteggio di 1-0. I rossazzurri con Pulvirenti al debutto in panchina hanno giocato un match dignitoso anche se è mancato il gioco e la lucidità sottoporta. Errori in mezzo al campo e poca spinta sulle fasce confermano che in attacco il Catania non riesce a rendersi pericoloso. Come al solito però un grande Pisseri ha salvato la porta etnea in diverse circostanze ma capitolando solo al 51′ grazie alla botta dalla distanza di Costa Ferreira. Catania malato e fisicamente non all’altezza degli avversari. Adesso per la squadra di Pulvirenti si mette male: i rossazzurri sono momentaneamente all’undicesimo posto, fuori dalla zona play-off, un punto di distacco dalla Casertana e due di vantaggio sulla Paganese che sarà la prossima rivale: domenica prossima alle 16.30 a Pagani. Un match già decisivo per la stagione degli etnei.

Il Catania si presenta con compatto 3-5-2 che diventa 3-4-2-1 in fase d’attacco. Inizio di gara con il Lecce più propositivo: occasioni per Fiordilino e Pacilli, ma la mira non è precisa. Il Catania, però, si difende con ordine e agisce in contropiede. In pochi minuti due chance capitano a Mazzarani: un pallonetto dal limite e una botta da fuori che termina alta sopra la traversa. Poco dopo la mezz’ora sventola dai 40 metri di Cosenza con palla deviata in angolo da Pisseri. I rossazzurri non soffrono l’iniziativa dei giallorossi, anzi. Al 39′ gran destro di Pozzebon dal limite che esce un soffio a lato. Poco prima del riposo Pisseri riesce a mettere in corner il sinistro dal limite di Fiordilino.

Nella ripresa, il Lecce parte subito forte e al 51′ trova il gol: tiro di Costa Ferreira che dai 20 metri trova l’angolino basso allla sinistra di Pisseri. Grave incertezza però della mediana rossazzurra che concede troppo spazio al calciatore portoghese. Risposta immediata del Catania con un destro in diagonale di Mazzarani che non trova lo specchio della porta. Pulvirenti fa il primo cambio mettendo Fornito al posto di Bucolo. Al 63′ Caturano solo davanti a Pisseri spedisce in spaccata alto sulla traversa. Il Catania fa quello che può concedendo solo tiri dalla distanza agli avversari. Al 70′ destro potente di Pozzebon, para Perucchini. Pulvirenti mette in campo anche Scoppa e Tavares per l’assalto finale. Il Catania si spegne e non trova più la forza per reagire anche per una condizione fisica non ottimale. Il Lecce sfiora il gol con Marconi, ma non soffre e alla fine conquista tre punti fondamentali per la rincorsa alla promozione diretta.

LECCE-CATANIA 1-0

MARCATORI: 51′ Costa Ferreira

LECCE (4-3-3): Perucchini; Ciancio, Giosa, Cosenza, Agostinone; Costa Ferreira, Tsonev (dal 91′ Maimone), Fiordilino; Pacilli, Caturano (dal 72′ Marconi), Doumbia (dal 64′ Lepore). A disp. Bieve, Chironi, Vitofrancesco, Monaco, Mancosu, Arrigoni, Mengoli. All. Padalino

CATANIA (3-4-2-1): Pisseri; Gil, Bergamelli, Marchese; Parisi, Bucolo (dal 60′ Fornito), Biagianti, Djordjevic (dal 76′ Scoppa); Di Grazia (dal 76′ Tavares), Mazzarani; Pozzebon. A disp. Martinez, Manneh, Mbodj, Barisic, Russotto. All. Pulvirenti

ARBITRO: Paolini della sezione di Ascoli Piceno.

AMMONITI: Fiordilino, Bucolo, Biagianti, Scoppa, Mazzarani

RECUPERO: 0′, 3′.

CRONACA DELLA GARA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy