ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Pensiero speciale

Crisi Catania, le parole di Pasquale Marino e Cristiano Lucarelli ai tifosi

Catania (getty images)

I due ex allenatori dispiaciuti per le sorti del club etneo

Redazione ITASportPress

Due ex allenatori del Catania, Pasquale Marino e Cristiano Lucarelli, hanno speso belle parole per i tifosi rossazzurri che stanno vivendo un triste momento per le sorti del club etneo che rischia l'esclusione dal campionato dopo essere stato dichiarato fallito lo scorso 22 dicembre e poi non trovato un investitore.

Marino e Lucarelli hanno parlato a lacasadic.com.  “E’ chiaramente un dispiacere enorme. Se pensiamo a tutti gli anni che ha fatto in A… purtroppo può arrivare questa batosta. Dispiace in maniera enorme per Catania“, le parole di Marino. Poi la mente torna indietro nel tempo, a quando Marino negli anni ’90 concluse la carriera da calciatore proprio con la maglia del Catania, riportandolo dalla D alla C2: “Se la squadra dovesse tornare fra i dilettanti, i tifosi risponderebbero proprio come allora. Allo stadio c’erano sempre almeno 12mila persone, mentre l’Atletico Catania – che sulla carta era diventata la prima squadra della città e che lottava addirittura per la B – era grossa se ne metteva insieme duemila. L’amore del tifoso catanese è incondizionato, va oltre la categoria”.Poi Marino ha gioito anche da allenatore a Catania. Stagione 2005-2006, secondo posto in B e promozione in A 23 anni dopo l’ultima volta. L’anno seguente ecco la salvezza nella massima serie e un’altra festa: “Ci sono state annate importanti con Pulvirenti e Lo Monaco alla guida del club. Ricordo con affetto le ultime partite. Quella in casa contro l’Albinoleffe che valse la A (2-1 il risultato finale) e poi lo spareggio salvezza vinto a Bologna contro il Chievo (2-0)“. Il Catania resterà in Serie A per otto anni, record assoluto. Un primato che a vederlo adesso fa male. Lucarelli è stato lapidario: "“Semplicemente Catania città e soprattutto i tifosi non meritano tutto questo”.

 (Getty Images)