Il Catania si rialza e rifila un poker al Bisceglie (4-1)

Il Catania si rialza e rifila un poker al Bisceglie (4-1)

Il Catania, dopo due k.o., torna alla vittoria: quattro goal al Bisceglie con doppietta di Curiale e le reti di Di Grazia e Russotto

di Redazione ITASportPress

Il Catania si rialza e batte 4-1 il Bisceglie. Al Massimino i rossazzurri di Lucareli mandano al tappeto i nerazzurri di Zavattieri con un super primo tempo. Partenza sprint con uno-due mortifero degli etnei: vantaggio al 3′ con Curiale su assist di Russotto, poi al 7′ è Di Grazia (entrato in campo al posto di Blondett, infortunato) a battere Crispino con un bel diagonale. Il doppio vantaggio indirizza la gara nel binario giusto. Il Catania, con il 4-1-4-1 con Biagianti schermo difensivo in mediana e Russotto e Di Grazia, amministra e diverte il pubblico del Massimino. Occasioni per Mazzarani e Biagianti, ma il goal non arriva fino al 38′ quando è ancora Curiale, al termine di una bella azione corale, a battere da pochi passi ancora Crispino.

Ottima prestazione, soprattutto per il morale, per il Catania: le due sconfitte contro la Sicula Leonzio e Reggina avevano lasciato degli strascichi, ma l’approccio al match contro il Bisceglie fa ben sperare per le prossime sfide (martedì contro la Paganese, domenica contro il Catanzaro). Buona la tenuta generale della difesa (a parte il goal di Jovanovic) in particolare con l’assetto a quattro. Bene la mediana con gli esterni propositivi e i centrali abili nelle due fasi. Curiale, invece, è stato letale e ha messo dentro le occasioni avute. Il Bisceglie, con formazione giovanissima con 97′ e 98′ in campo, soprattutto nel primo tempo, non è riuscito a far fronte alla manovra del Catania.

Nella ripresa, invece, con il Catania meno arrembante, i pugliesi sono riusciti, non solo a segnare (da segnalare la splendida azione di Jurkic), ma anche a rendersi pericolosi in più di una circostanza. Non è bastato, però, per impattare il match. Il Catania ha gestito fino alla fine e al 81′ trova anche il poker con Russotto, bravo a mettere dentro su assist di Semenzato.

Piccola curiosità: con gli ingressi in campo di Lovric e Rossetti nei minuti finali, Lucarelli ha fatto disputare almeno 1′ ai suoi giocatori di movimento (ad eccezione dei portieri Martinez e Spataro).

CATANIA-BISCEGLIE 4-1

MARCATORI: 3′ Curiale, 7′ Di Grazia, 38′ Curiale, 60′ Jovanovic, 81′ Russotto

CATANIA (3-5-2) – Pisseri; Blondett (dal 4′ Di Grazia, 84′ Rossetti), Tedeschi, Bogdan (dal 84′ Lovric), Semenzato, Caccetta, Biagianti, Mazzarani (dal 78′ Aya), Marchese (dal 78′ Djordjevic); Russotto, Curiale. A disposizione: Martinez, Manneh, Lodi, Fornito, Ze Turbo, Ripa. All. Lucarelli

BISCEGLIE (3-4-3) – Crispino; Delvino (dal 67′ Gabrielloni), Petta, Jurkic; Risolo, Boljat (dal 46′ Toksic), Lugo Martinez (dal 60′ D’Ancora), Raucci (dal 60′ Migliavacca), Azzi (dal 67′ Markic), Jovanovic, Montinaro. A disposizione: Vassallo, Alberga, Vrdoljak, Partipilo. Allenatore: Zavattieri.

ARBITRO: Cipriani della sezione di Empoli

AMMONITI: Boljat, Gabrielloni, Tedeschi

RECUPERO: 2′, 3′

CRONACA DELL’EVENTO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy