Lotito si dimentica dell’amico Pulvirenti e porta a Bari…

Lotito porta a Bari il magnate malese dimenticandosi di un ‘vecchio’ amico…

di Redazione ITASportPress

E’ certo che, con il senno di poi, possano nascere dei dubbi su come si sviluppano certe amicizie che poi svaniscono in breve tempo nel mondo del calcio dove non bisogna fidarsi di nessuno, nemmeno degli amici. E’ il caso di Claudio Lotito, presidente della Lazio e di Antonino Pulvirenti, proprietario del Catania, club caduto da tre anni in disgrazia. Consiglieri federali di mille battaglie, uomini d’affari nel mondo del calcio, amici veri nella vita di tutti i giorni si disse. Claudio Lotito e Antonino Pulvirenti, erano due presidenti a stretto contatto: le vacanze nella splendida Taormina, le sfide notturne a briscola, un rapporto sincero nato e cresciuto nel tempo. L’ultimo duello a colpi di carte andò in scena allo stadio Massimino il 9 febbraio 2014, nel pre-partita di Catania-Lazio: il match si disputò all’interno della hall, su un tavolinetto da bar, seduti su comode poltrone di velluto, tra sfottò e prese in giro di qualsiasi tipo. Tanti aneddoti, storie e curiosità vissute fra «colleghi speciali». Ma nel momento del bisogno, il presidente della Lazio si è dimenticato dell’amico Pulvirenti…

Datò Ahmad Noordin, imprenditore petrolifero malese, uomo vicino al Governo della nazione asiatica e legato ad uno dei più grossi istituti di credito di Kuala Lumpur, ha contattato Lotito per affari. L’imprenditore asiatico, infatti, si era avvicinato al club romano già nel gennaio scorso proponendo un gemellaggio con il club biancoceleste per un rilancio del calcio in Malesia e, soprattutto, per l’avvio futuro di affari con la società di Formello. Lotito, però, avrebbe inizialmente declinato l’offerta del malese. Come rimanere allora in affari con Noordin e non rinunciare ai suoi capitali freschi? Dirottare l’attenzione del malese sul Bari. Ma come Lotito, non eri amico con Pulvirenti che aspetta (forse) un investitore serio e ricco pronto a soddisfare le sue richieste economiche per cedere il club? Niente da fare: il patron laziale ha già contattato il presidente del Bari Paparesta e la trattativa sarebbe già a buon punto con il malese rappresentato dall’avvocato Grazia Iannarelli di Roma che già lo aveva seguito nella sua visita a Formello.

Fidati degli amici che sanno solo darti consigli esoterici. Vero Pulvirenti? “Lotito mi ha consigliato una maga vicino a Catania, ma non ha funzionato. Poi un’altra, molto brava e laureata, e in effetti dopo abbiamo vinto con l’Avellino…” ha ammesso il patron rossazzurro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy