Serie C, quanto guadagno i calciatori e gli allenatori

Una statistica dell’Aic fa chiarezza sugli emolumenti dei calciatori

di Redazione ITASportPress

In Serie C ci sono club con un monte ingaggi spropositato per la categoria. La scorsa stagione il Monza batteva tutti ma anche il ricco Bari non stava tanto dietro ai brianzoli. Oggi  l’Associazione Italiana Calciatori ha pubblicato la tabella con i compensi minimi per la stagione in corso che riguarda i calciatori che militano nei club della terza divisione calcistica italiana. L’AIC infatti riporta uno schema riassuntivo delle cifre minime garantite ai giocatori della Lega Pro, con i minimi retribuitivi che i calciatori potranno guadagnare nel corso della stagione 2020/21, ovverosia l’annata in corso. Nel dettaglio, i calciatori professionisti tesserati per le società di Serie C potranno ricevere un compenso annuale lordo minimo per le seguenti cifre come riporta il sito calcioefinanza.it:

  • Minimo retributivo dal 24° anno di età (Classe 1996) € 26.664,00 lordi (€ 18.670,84 netti)
  • Primo contratto ex art. 33.2. Noif (Classe 2000) € 20.263,00 lordi (€ 14.726,62 netti);
  • Minimo retributivo dal 19° al 23° anno di età (Classe 2000 – 1997) € 20.263,00 lordi (€ 14.726,62 netti);
  • Minimo retributivo dal 16° al 19° anno di età (Classe 2003 – 2000) € 14.397,00 lordi (€ 11.055,26 netti);
  • Addestramento tecnico (Classe 2001) € 10.665,00 lordi (€ 8.571,49 netti).
(Getty Images)

Questi invece i guadagni di un allenatore di Serie C e di un direttore sportivo:

Oltre ai calciatori, la Lega Pro indica le cifre minime anche per quanto riguarda i direttori sportivi, gli allenatori della prima squadra, gli allenatori in seconda e i preparatori atletici delle società della terza serie del Paese:

  • Direttore sportivo – € 26.664,00 lordi
  • Allenatore prima squadra – € 25.885,00 lordi
  • Allenatore in seconda prima squadra – € 14.496,00 lordi
  • Preparatore atletico prima squadra – € 13.786,00 lordi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy