ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Disastro

Stipendio non pagato: la Sigi ‘retrocede’ il Catania all’ultimo posto in classifica

Foto Calcio Catania

Scadenza era oggi ma i soci della Sigi non sono riusciti a pagare lo stipendio di agosto ai calciatori

Redazione ITASportPress

Il destino del Catania è appeso a un filo. Oggi è stato pagato ai calciatori lo stipendio di luglio ma non quello di agosto della stagione in corso. Il Catania si ritroverà ultimo in classifica subendo una penalizzazione che oscilla dai 2 ai 4 punti più altri 2 per il ritardato pagamento dello stipendio di giugno. Incide poco che sia stata pagata una sola mensilità per ottenere una parziale penalizzazione in classifica e del resto il caso del Trapani parla chiaro: la società granata versò 200 mila euro e non 270 quanto bisognava. I versamenti di cinque soci della Sigi (qualcosa come 90 mila euro) servono a poco. L'azionista di maggioranza della Sigi Gaetano Nicolosi non è andato oltre a un versamento di 30 mila euro e non ha ricapitalizzato. Altro che "posso andare avanti da solo" riferito pochi giorni fa al quotidiano La Sicilia.

NICOLOSI - Stasera intervenuto nel corso della trasmissione "Corner", Nicolosi ha detto: "Non si sono raccolte le somme per far fronte al pagamento degli stipendi di luglio e agosto di tutti i calciatori ed è stato pagato solo il primo mese della nuova stagione sportiva. Speriamo di onorare la seconda scadenza entro 10 giorni. Purtroppo sono state pignorate delle somme in Lega e poi l'impossibilità di mettere a reddito Torre del Grifo ci ha complicato le cose. Con la cessione della struttura in affitto avremmo ricavato un importante somma ma si è perso del tempo e l'operazione è saltata. In Sigi non c'è una rottura ma manca l'intesa tra i soci per gestire tutto e portare a termine la stagione sportiva. Io non sono mai entrato con l'idea di prendere il Catania da solo non avendo un budget illimitato. Lo statuto? Io non l'ho letto...".

CADUTI AL PRIMO OSTACOLO - I soci della Sigi non hanno tolto debiti dalla montagna complessiva, ma la cosa più scandalosa è che non sono riusciti a pagare neanche il primo stipendio della nuova stagione. Un disastro assoluto. E pensare che a giugno sono arrivati i soldi dei tifosi per l'iscrizione al campionato, poi le anticipazioni degli sponsor e infine la Sigi ha beneficiato della sospensione per Covid delle tasse. E chiamali eroi...

tutte le notizie di