Albertini: “Barcellona? Segnare tre gol in sette minuti è contro ogni previsione”

“Cavani faceva il difensore, io e Shevchenko non volevamo crederci”

di Redazione ITASportPress

La storica impresa del Barcellona contro il Paris Saint-Germain ha lasciato tutti a bocca aperta. Anche Demetrio Albertini ex giocatore dei blaugrana e del Milan non credeva a quello che stava vedendo al Camp Nou; queste le sue dichiarazioni riportate dal quotidiano La Stampa: “Ero accanto al mio amico Shevchenko: durante i sette minuti finali non abbiamo capito niente neanche noi, tanta era l’adrenalina nell’aria. Con Sheva ci chiedevamo: ma perché Cavani sta là, a dieci metri dalla sua area di rigore a difendere? Evidentemente l’hanno preparata così, in attesa che il tempo passasse. Il Psg aveva la grande opportunità di far vedere all’Europa che è diventato grande: l’ha buttata via nel peggiore dei modi. La magia del Camp Nou? Da ex giocatore posso pensare che Messi e compagni avessero un piano: due reti nel primo tempo, altrettante nella ripresa e, poi, i supplementari. Il Barcellona aveva le carte per recuperare il ko di Parigi, ma farlo in sette minuti è contro ogni previsione. La Juve può guardare negli occhi Real, Bayern o Barcellona? E perché non dovrebbe farlo?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy