Atalanta straripante: 4-0 al Midtjylland. Lukaku salva l’Inter: 2-2 col Borussia

I risultati delle italiane

di Redazione ITASportPress

Le italiane possono sorridere nella seconda giornata di gare in Champions League. Dopo i successi di Juventus e Lazio, l’Atalanta si esalta sul campo del modesto Midtjylland con un roboante 4-0. L’Inter fatica maggiormente contro il Borussia Monchengladbach, ma riesce a strappare un pareggio importante.

INTER-BORUSSIA

Inter e Borussia si studiano a lungo nel primo tempo. L’occasione più nitida capita ai nerazzurri con Lukaku che entra in area e non trova il gol con un diagonale largo di un soffio. Nella ripresa Conte cambia: out Sanchez e dentro Lautaro. L’argentino fornisce maggiore dinamismo e diventa un attore protagonista nell’azione del vantaggio, quando impatta di testa su verticalizzazione di Vidal. Il pallone viene raccolto sul secondo palo da Perisic e dopo un rimpallo finisce sui piedi di Lukaku per l’1-0 interista. Vidal, però, commette un’ingenuità verso l’ora di gioco e procura un rigore al Gladbach. Bensebaini non sbaglia e pareggia. Nel finale Lautaro sfiora il 2-1 colpendo un palo clamoroso con una splendida girata al volo. All’84’ Hofmann sfrutta una dormita generale e buca Handanovic in uscita. Il vantaggio dura 5 minuti: Lukaku si infila nella difesa avversaria sugli sviluppi di un corner e batte Sommer che qualche minuto prima si era esaltato sul colpo di testa di Darmian. In extremis, Kolarov sfiora il gol della vittoria su punizione. Non basta a cambiare il 2-2 finale.

MIDTJYLLAND-ATALANTA

Dopo una prima fase di studio, la Dea spicca il volo. A sbloccare il risultato ci pensa Zapata che sfrutta una sponda di Romero e batte il portiere Hansen avversario da due passi. Poi tocca a Gomez raddoppiare con un destro potentissimo finito sotto la traversa. Il tris arriva poco prima della fine dei primi 45 minuti. Stavolta Zapata raccoglie una respinta difettosa dell’estremo difensore e deposita in rete. Nella ripresa Hansen si fa perdonare con una parata di piede su Pasalic. Sempre il portiere dei danesi sventa il poker con una prodezza sul subentrato Ilicic. Nemmeno l’estremo difensore può evitare la rete di Miranchuk con una conclusione a giro imprendibile. Finisce 4-0.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy