ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

La decisione

Champions League, tifosi inglesi contrari alla riforma

(Getty Images)

Il dissenso espresso in una lunga nota

Redazione ITASportPress

La nuova Champions League non piace ai tifosi inglesi che hanno scritto una nota per esprimere il netto dissenso: «Siamo uniti nell’opposizione alle proposte di riforma della Champions League che sono un tentativo di ritorno all’idea screditata di una Superlega europea». Si apre così una nota ufficiale della Football Supporters’ Association Premier League, che rifiuta l’idea di riforma della UEFA Champions League, che a partire dal 2024/25 si trasformerà in una competizione a girone unico.

«L’anno scorso, sono stati i nostri gruppi di tifosi a unirsi per forzare il crollo della Superlega europea. All’epoca, la UEFA ci aveva detto che i tifosi erano il cuore del gioco e aveva promesso che le opinioni dei tifosi sarebbero state al centro della scena nel decidere cosa sarebbe successo. Quindi è con grande sgomento che ora affrontiamo la prospettiva di modifiche alla Champions League che porteranno molte più partite nella fase a gironi, mentre l’ingresso per alcuni club sarà basato sul “Coefficiente UEFA per club” quinquennale», recita il comunicato.

«Queste proposte non faranno altro che ampliare il divario tra i club ricchi e gli altri, rovinando allo stesso tempo i calendari dei campionati nazionali, con l’aspettativa che i fan sacrifichino ancora più tempo e denaro per assistere a partite senza senso del girone. I tifosi non vogliono ancora più partite europee, in particolare la fase a gironi di dieci partite e un turno a eliminazione diretta in più», si legge ancora.

«È irresponsabile e fuori luogo – spiega la FSA Premier League – pensare anche di raddoppiare il numero di partite interne a cui i tifosi dovranno assistere prima dell’inizio dei turni a eliminazione diretta. Ciò sarà aggravato dalla crisi del costo della vita che sta colpendo l’Europa. Inoltre, non vediamo come l’aumento dell’obbligo per squadre e tifosi di volare in giro per l’Europa sia compatibile con gli impegni ambientali della UEFA».

«Temiamo anche per il futuro della FA Cup e della Coppa di Lega, competizioni che vantano meccanismi di ridistribuzione finanziaria vitali nella nostra piramide calcistica. Chiediamo alla UEFA e ai membri del suo comitato esecutivo (EXCO), di respingere specificamente qualsiasi piano per cui:

La qualificazione alla Champions League (o a qualsiasi altra competizione UEFA per club) si basi su prestazioni lontane dai meriti sportivi in ​​un campionato nazionale rilevante;

Cresca complessivamente il numero di partite. Ciò aumenterà ulteriormente la pressione finanziaria dei tifosi e danneggerà il benessere dei giocatori a cui viene chiesto di giocare troppo;

Dieci partite dei gironi coinvolgano un piccolo gruppo di club ricchi che distorcono ulteriormente l’equilibrio competitivo. Vogliamo campionati nazionali forti e competitivi, pari opportunità per tutti di qualificarsi alle competizioni UEFA in base al merito sportivo, insieme a una distribuzione più equa della ricchezza del gioco derivante dai ricavi che queste competizioni guadagnano».

I tifosi ricordano che lo scorso anno si sono «impegnati in discussioni costruttive con il presidente della UEFA Ceferin, che si è impegnato ad ascoltare i fan in questo processo. La nostra voce collettiva è unificata e la nostra posizione chiara. Chiediamo alla UEFA di dimostrare che agisce nell’interesse della più ampia comunità calcistica e dei suoi tifosi, non solo nell’interesse dei pochi ricchi investitori e dei club statali che, meno di un anno fa, hanno cercato di distruggere la famiglia calcistica europea».

 (Getty Images)
tutte le notizie di