Juventus, rosso a Ronaldo forse colpa della “maledizione” di Collina?

Juventus, rosso a Ronaldo forse colpa della “maledizione” di Collina?

Ieri sera il numero 7 bianconero è stato espulso durante il match col Valencia

di Redazione ITASportPress

La Juventus in Champions League vede rosso. Dopo quello di Gigi Buffon a Madrid, è successo nella partita successiva di Champions League di ieri sera col Valencia con il cartellino rosso sventolato in faccia a Cristiano Ronaldo al 29′ per presunto gesto antisportivo. Un provvedimento severo dell’arbitro Brych e del suo amico assistente Fritz nei confronti di CR7 che è poi scoppiato in lacrime. Naturalmente i dirigenti bianconeri hanno protestato molto a fine gara e si è saputo di un Nedved furibondo che sarebbe esploso contro il direttore di gara tedesco. E in effetti la Juventus in Europa spesso si è sentita danneggiata e nella famosa notte di Madrid e dell’arbitro Oliver esplose la rabbia del presidente Andrea Agnelli che è stato il principale accusatore dell’ex designatore Uefa Pierluigi Collina. Tra i due covava un’antipatia di circa un ventennio che si inasprì a Perugia nella famosa partita giocata sul campo allagato con lo scudetto che andò alla Lazio dopo l’incredibile k.o. bianconero. Dopo lo sfogo nel post-partita (“L’arbitro Oliver non ci ha capito niente. Stasera la persona meno felice di tutti dovrebbe essere lui”), il n.1 della Juve nella notte del Bernabeu rimarcò il fatto che le designazioni di Collina penalizzarono la sua Juve. Qualcuno sostiene adesso che l’espulsione esagerata di Cristiano Ronaldo sia dovuta alla “maledizione” di Collina dopo che la Juventus ha guidato la campagna di demolizione dall’Uefa dell’ex arbitro della sezione di Bologna. L’Uefa in effetti ha rinunciato a Pierluigi Collina e ha messo al suo posto il suo connazionale Roberto Rosetti e molti la definirono la vittoria di Agnelli. Tempo fa il nome di Collina era circolato anche come possibile presidente della Figc: beh, difficilmente avrebbe il voto di Andrea Agnelli…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy