Llorente confessa: “Il gol al Manchester City la cosa più bella della mia carriera…”

Llorente confessa: “Il gol al Manchester City la cosa più bella della mia carriera…”

“Se siamo in finale è merito di Pochettino”

di Redazione ITASportPress
Llorente

Ancora pochi giorni alla finale di Champions League tra Tottenham e Liverpool. A Madrid, sabato 1 giugno, si assegnerà il titolo di campione d’Europa. Intervistato da Marca, uno dei protagonisti degli Spurs, Fernando Llorente ha commentato la stagione della squadra nel torneo rivelando anche, a livello personale, alcuni particolari piuttosto inediti.

FINALE – “Siamo molto emozionati, desiderosi di arrivare a sabato per giocare la gara. Siamo pronti a dare il meglio di noi stessi. Ci siamo allenati e abbiamo lavorato in modo spettacolare. Oggi andremo a Madrid per essere rilassati e mettere a punto tutti i preparativi”. “Cosa temo del Liverpool? Hanno un attacco molto forte, giocano di squadra. Sono veloci e forti. Ma anche il Manchester City lo era, e abbiamo vinto noi. La nostra forza è il gruppo. Sappiamo che se diamo il meglio di noi possiamo farcela. Kane? Lui è importante e il suo recupero indica che con molta probabilità sarà della partita”. “Sarà una gara imprevedibili. Il torneo ci insegna che spesso le partite vengono decise nei minuti finali”.

DESTINO – “Se credo di riuscire a vincere la Champions? Non so, ho perso in Europa League con il Bilbao nel 2012, poi 4 anni dopo ho vinto con il Siviglia. Nel 2015 ho perso la finale con la Juventus e adesso ho questa occasione. Vincere la Champions League è qualcosa che ho sempre sognato e adesso posso realizzare il mio sogno. Credo di giocare come ho fatto ultimamente. Pochettino ha un ottimo rapporto con me e con la squadra. Se siamo arrivati qui è merito suo e della fiducia che abbiamo in lui”.

MOMENTO – E in una Champions che ha visto succedere davvero di tutto nei momenti finali, Llorente commenta così una delle rimonte più belle della stagione, quella che ha portato al successo contro il Manchester City: “La verità è che ho avuto davvero un bel momento quella sera. Sono rimasto concentrato fino alla fine e quel gol al Manchester City ci ha regalato una notte magica. Il momento più bello della mia carriera. Non pensavamo di poter vincere contro di loro, e invece…”. E sul futuro: “Accostato a Valencia, Inter e Barcellona? Non è il momento di parlarne. Dobbiamo essere concentrati sulla finale. Poi si vedrà. Ma non è una preoccupazione il mio destino”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy