ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Champions League

Milan, Pioli: “Sfida col Liverpool somiglia a quella di Bergamo a maggio”

Milan, Pioli: “Sfida col Liverpool somiglia a quella di Bergamo a maggio”

Con un successo i rossoneri sarebbero sicuri di proseguire la loro stagione europea, e questo mette comunque in chiaro quale sarà l'obiettivo da raggiungere nella notte di San Siro.

Redazione ITASportPress

Domani Milan-Liverpool, l'ultimo appuntamento del girone B di Champions League per i rossoneri che può mettere in palio l'accesso agli ottavi di finale. Mister Stefano Pioli ha presentato in conferenza stampa la sfida in programma domani sera alle 21.00."Come peso specifico e preparazione dal punto di vista mentale questa partita può assomigliare a quella di Bergamo a maggio, ma è anche vero che da allora di sfide delicate e importanti ne abbiamo giocate tante. È una partita che abbiamo preparato bene".

IL FUTURO EUROPEO

"Pensiamo solamente alla partita di domani. L'obiettivo del Club è di tornare competitivo, in Italia e in Europa. Vogliamo andare agli Ottavi di Champions, se dovessimo retrocedere in Europa League la affronteremmo nel modo migliore. Ma conta soltanto domani, vogliamo metterci alla prova".

DA ANFIELD A SAN SIRO

"All'andata abbiamo subito molto la loro pressione muovendoci poco senza palla. Deve essere un aspetto su cui dobbiamo fare meglio domani, abbiamo una maggiore conoscenza di spazi e posizioni che dovrà vedersi in campo. Una volta superata la prima pressione potrebbero aprirsi degli spazi in cui ci potremo renderci pericolosi. Il Milan domani sera deve essere forte, perché è il livello che sarà alto: affronteremo una delle squadre che da anni è tra le più forti al mondo. Più saremo imprevedibili e capaci di attaccare gli spazi, più riusciremo a creare situazioni pericolose in avanti. Sappiamo come ci dobbiamo esprimere per reggere il confronto con loro. Avremo anche un grandissimo appoggio dai nostri tifosi: ci sono tutte le condizioni per essere positivi e credere nella possibilità di giocare una grande partita".

GLI INFORTUNI

"Stiamo facendo di tutto per cercare di agevolare recupero e prestazioni dei giocatori, anche gestendo i minuti. Adesso dobbiamo stringere i denti, cercando di raccogliere il massimo possibile fino al 22 dicembre. Poi sono sicuro che la situazione migliorerà".

L'ASSETTO TATTICO

"Credo che dovremo avere tanti giocatori offensivi, non necessariamente un punto di riferimento statico. Krunić, Díaz, Messias sanno leggere gli spazi, muoversi tra le linee e rendersi pericolosi ed è qualcosa che potrebbe fare la differenza".

L'AMBIZIONE ROSSONERA

"Siamo convinti di essere una squadra forte e che loro sono fortissimi. Abbiamo voglia di misurarci contro le più forti, cercando di cogliere il miglior risultato possibile. La vittoria deve passare tramite sacrificio, determinazione, motivazione e lucidità tattica".

 (Getty Images)
tutte le notizie di