Napoli, l’ex P. Cannavaro: “Il Real è uno squalo, ma va vendicata la nostra sconfitta di Londra”

“Spero tanto che Insigne possa essere l’uomo copertina, è l’unico napoletano in campo”

di Redazione ITASportPress

“Io ci credo alle favole a lieto fine, quelle in cui vincono gli sfavoriti, i più deboli. Credo che il Napoli possa riuscire ad abbattere gli dei”. Paolo Cannavaro i quarti di finale della Champions League li ha sfiorati con il Napoli, nel marzo del 2012: era il capitano nella notte dello Stamford Bridge quando il Chelsea passò solo ai supplementari e poi vinse in finale contro il Bayern Monaco. Il difensore del Sassuolo ha parlato in vista della sfida di stasera contro il Real Madrid. Ecco quanto raccolto dall’edizione online de Il Mattino: “Ci vuole spensieratezza per affrontare il Real Madrid. È una gara da impostare come se fosse una partita normale di Serie A, quindi provando a essere se stessi: possesso e qualità del fraseggio. Con delle piccole variazioni: bisogna forzare qualche giocata in più, essere meno belli ma cercare di più la profondità che è la cosa che ci è mancata al Bernabéu. Ci vuole pazienza, la giusta lucidità e la convinzione che il turno si può passare anche dopo 120 minuti. Non pensare che il goal debba arrivare nei primi venti minuti, si possono anche fare due goal nell’ultimo quarto d’ora. Certe notti il Real Madrid non le sbaglia mai: nella Liga qualche scivolone può capitare, ma in Champions League quei fenomeni diventano degli squali. Sentono l’odore del sangue e non danno mai scampo. Tuttavia, concedono tanto in difesa, sono vulnerabili indietro. Non sono i galacticos di quando c’era mio fratello Fabio (ride, ndr) però sono possenti: li vedi che possono difendere in tre contro tutti”.

INSIGNE“Spero tanto che Lorenzo possa essere l’uomo copertina, è l’unico napoletano in campo. Un giorno diventerà lui il capitano, ma solo quando andrà via Hamsik perché la fascia a Marek deve rimanergli a vita per tutte le volte in cui ha rinunciato ai soldi pur di restare in azzurro”. 

ZIDANE“Era delizioso. La palla l’accarezzava, non la toccava. Ne rimasti estasiato quando lo sfidai”.

CHELSEA“Fu un incubo, andammo davvero vicini alla grande impresa che ci saremmo davvero meritati. Noi abbiamo solo sfiorato il sogno, gli azzurri stasera hanno il compito di vendicare quel Napoli, di cancellare quella ferita che è ancora aperta”.

MAGGIO“Non gli ho mai parlato del goal che sbagliò al San Paolo. Non meritava che ne facessimo cenno: aveva dato l’anima, come ha sempre fatto Christian. Ecco, la favola perfetta prevede che il Napoli elimini il Real Madrid con un goal di Maggio, così il cerchio si chiude…”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy