Real Madrid, l’ex Sacchi: “Napoli, devi buttare sangue. La chiave tattica è la fase difensiva”

“Quando giocavamo contro Maradona dicevo ai miei: teniamo il pallone, se non ce l’ha il Napoli riduciamo i rischi”

di Redazione ITASportPress

Parla Arrigo Sacchi. L’ex dirigente del Real Madrid ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, emittente ufficiale del Napoli, a poche ore dal ritorno degli ottavi di finale della Champions League. Ecco quanto dichiarato dal tecnico di Fusignano, che in passato ha vinto due volta con il Milan l’ormai ex “Coppa dei Campioni”: “I tifosi del Napoli dovranno dimostrare la loro sportività e civiltà, esattamente come a Madrid. Sul campo, il Napoli ha pochissime possibilità, però ci sono. Bisogna buttare sangue, anche se i giocatori non hanno esperienza, personalità, storia e, soprattutto, non sono dei top player: in questi casi, quando giochi contro avversari molto bravi, devi spezzare i loro ritmi. Quando giocavamo contro Maradona dicevo ai miei: teniamo il pallone, se non ce l’ha il Napoli riduciamo i rischi. I primi attaccanti sono i difensori, la squadra di Sarri deve essere compatta e corta: la fase difensiva è la chiave perché, oltre a fermare l’avversario, ti dà la possibilità di ripartire. Se il Napoli tiene palla, il Real Madrid può innervosirsi e, di conseguenza, far uscire fuori i propri limiti. Ci vuole organizzazione di gioco e volontà che va oltre le proprie possibilità: il tutto va fatto a mente fredda, nonostante la presenza del pubblico. Ronaldo e Benzema sono velocissimi e hanno dei fornitori che gli danno la palla nei modi tempi giusti. Una partita difficilissima, che comincia con l’handicap, ma i ragazzi di Sarri devono dare tutto quello che possono. Gli eroi sono questi, ci vuole coraggio, impegno e convinzione. Il Napoli mi emoziona, perché rischia e non aspetta gli avversario: è una grande squadra per questo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy