Atalanta, Gasperini: “Vogliamo andare avanti in Coppa Italia. Juventus? Non ci sono avversari come l’Atletico in Serie A…”

Atalanta, Gasperini: “Vogliamo andare avanti in Coppa Italia. Juventus? Non ci sono avversari come l’Atletico in Serie A…”

“Ci rendiamo conto dell’importanza della posta in palio”

di Redazione ITASportPress
Gasperini tecnico Atalanta

Ospite a Il Club di Sky, Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha parlato dei temi caldi del campionato nostrano e del calcio in generale. Dalla sua Dea, alla corsa Champions League, fino alla Coppa Italia e alle polemiche sul Var che hanno caratterizzato la 25^giornata di Serie A.

VAR – Dice subito la sua riguardo agli episodi molto contestati avvenuti durante il posticipo di campionato tra Fiorentina-Inter con diversi casi da moviola molto dubbi: “La regola deve cambiare, perché spesso facciamo fatica anche a mente fredda a valutare si tratta di calcio di rigore o meno. Devo dire che se l’avessero fischiato con l’Atalanta, se ne sarebbe parlato di meno. All’andata con la Fiorentina ci fu un rigore molto contestato, poi mi sono chiarito con Pioli, ma allora non fu consultato neanche il VAR. Alcuni episodi sono difficili da accettare. Nell’immediato accusi, ma poi riparti. E nel caso dell’Inter credo che Spalletti debba dare compattezza e cercare una reazione: piangersi addosso è peggio. Se ti senti forte vai anche oltre a certi episodi negativi”.

COPPA ITALIA – Ma tornando a parlare dell’Atalanta, ecco che i nerazzurri si preparano alla gara proprio contro la Fiorentina di mercoledì valida per la semifinale di Coppa Italia: “Giocare una semifinale non capita spesso né a noi né alla Fiorentina. Noi abbiamo eliminato la Juve, e vorremmo andare avanti nella competizione. Mercoledì sarà già una prima sfida decisiva, poi per due mesi potremo concentrarci solo sul campionato. Ci rendiamo conto dell’importanza della posta in palio“.

CHAMPIONS – Da una coppa ad un’altra, con la Juventus che sarà impegnata in Champions League contro l’Atletico Madrid e dovrà ribaltare il 2-0 dell’andata: “La Juve dovrà fare un’impresa per superare il turno, perché giocano contro una squadraccia. L’Atletico Madrid è molto forte a difendere ma anche in avanti. In Serie A la Juve vince abbastanza agevolemente perché il divario tecnico è notevole e difficilmente trovi una squadra sia fisica che tecnica del livello dell’Atletico Madrid. In Italia fatichi a reggere l’uno-contro-uno con gli juventini, in Europa invece è diverso, è tutto più difficile. Se ti va bene con la Juventus pareggi, e lo scontro individuale con l’Atletico è su pari livello. La Juventus deve mantenere le sue caratteristiche, deve fare un’impresa ma ha armi e capacità per farla, anche perché la Champions è il loro grande obiettivo”.

ATALANTA E OBIETTIVI – Al momento la Dea è fuori dalla corsa Champions, complice anche il ko proprio contro una delle dirette rivali, il Milan: “Eravamo tutte lì ma sapevamo fosse una cosa momentanea. Penso che Milan, Inter, Roma e Lazio siano destinate a giocarsi i due posti per la Champions. Per il resto noi, Sampdoria, Fiorentina e Torino siamo tutte lì. Contro il Milan il secondo gol ci ha tagliato le gambe. Contro certe squadre un gol non ti basta mai. Mancano ancora tredici partite in campionate: alcune squadre possono prendere l’ascensore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy