ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Castagner a ISP: “Milan da scudetto ma è super Inter. Juve? Difesa non smagliante”

(Getty Images)

L'ex allenatore del Milan ha parlato ai microfoni di Itasportpress

Redazione ITASportPress

Riguardo all’attualità calcistica nostrana, la redazione di ItaSportPress.it ha intervistato in esclusiva Ilario Castagner, ex allenatore tra gli altri di Milan e Perugia.

L’ha stupita la battuta d’arresto del Napoli?

“Assolutamente sì. Io ero tra coloro che pensavano che il Napoli fosse la favorita numero uno per lo scudetto”.

Poi cosa è accaduto?

“Più che per gli infortuni, a me sembra che sia un Napoli calato per il fatto che prima segnasse con estrema facilità, adesso – invece – fa una fatica enorme a segnare”.

In compenso ha preso il sopravvento l’Inter…

“Tanto di cappello a Simone Inzaghi. Secondo me, al momento, è il miglior allenatore in Serie A”.

Qual è stato il segreto del suo exploit?

“Ha saputo adattare gradualmente le sue idee alla base di lavoro che aveva già costruito Conte. L’Inter è una macchina perfetta”.

E il Milan?

“Il Milan esprime un ottimo gioco. Hanno pagato soprattutto le assenze. Per me se la giocherà fino alla fine con l’Inter”.

Si aspettava qualcosa in più dalla Lazio di Sarri?

“Assolutamente sì. Secondo me sta facendo un errore colossale…”.

Quale?

“Non si avvale come dovrebbe di Luis Alberto, uno dei centrocampisti più tecnici della Serie A. Secondo me Sarri sta facendo prevalere troppo le sue idee rispetto alle caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione. Sta facendo lo stesso errore che ha fatto alla Juve”.

A proposito di Juve: si aspettava qualcosa in più dopo il ritorno di Allegri?

“Secondo me, senza Ronaldo, la Juve ha enormi difficoltà a segnare. Ho visto che sono state date tante colpe a Szczesny: mi sembra una scusa. La Juve subisce tantissimi gol: la colpa è della difesa, non più smagliante come un tempo”.

La stupisce il “caso Dybala”?

“Secondo me non si deve proprio montare nessun caso. Dybala non è un top player. E’ un giocatore normale, che si infortuna troppo facilmente”.

E’ un’icona in casa Perugia: come giudica, sin qui, la stagione degli umbri in Serie B?

“Il Perugia è una buona squadra. Mi piacciono molto Burrai e Chichizola. Secondo me possono ambire ai play-off. Però bisogna che, il primo a crederci, sia il presidente…”.

tutte le notizie di