Catania, Lo Monaco a ISP: “Ecco i punti di forza e cosa va migliorato. Rigoli? Piena fiducia ma…”

Catania, Lo Monaco a ISP: “Ecco i punti di forza e cosa va migliorato. Rigoli? Piena fiducia ma…”

L’amministratore delegato, Pietro Lo Monaco, ai microfoni di Itasportpress.it, traccia un primo bilancio dopo 360′ giocati dalla band di Pino Rigoli che sul campo ha conquistato 6 punti.

di Redazione ITASportPress

E’ un lunedì di analisi in casa Catania dopo le quattro partite di campionato disputate, tre delle quali in trasferta. L’ad. Pietro Lo Monaco, ai microfoni di ItaSportPress, traccia un primo bilancio dopo 360′ giocati dalla band di Pino Rigoli che sul campo ha conquistato 6 punti.

COSA VA – La squadra sta dimostrando di avere qualità importanti perchè finora, dopo aver giocato partite amichevoli, coppa Italia e quattro match di Lega Pro, non ha mai perso ed ha la difesa meno battuta insieme al Foggia. La penalizzazione in classifica e un calendario incredibile hanno penalizzato la squadra, ma il gruppo è unito e anche attraverso la sofferenza siamo riusciti a portare a casa punti importanti in campi difficili e in situazioni ambientali non facili. Abbiamo anche affrontato due pretendenti per la promozione diretta e non abbiamo sfigurato battendo la Juve Stabia e pareggiando a Matera. Adesso però comincia il nostro vero campionato visto che delle prossime quattro partite in calendario, tre le giocheremo al ‘Massimino’. Naturalmente per puntare all’obiettivo playoff, dobbiamo cercare a tutti i costi di vincere contro Akragas, Fondi e Messina e poi provare a fare bottino pieno a Taranto.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

COSA NON VA – E’ evidente che gli stranieri devono avere più tempo per ambientarsi. Scoppa e Silva sono ottimi calciatori, ma per avere più continuità durante i 90′ hanno bisogno di qualche giorno ancora. Sono due elementi importanti per il Catania e bisogna concedergli un pò di tempo. Paolucci si è spento nelle ultime due partite ma è partito sparato in campionato e ci può stare che tiri il fiato. Comunque la rosa è ampia e il nostro allenatore può far rifiatare chi non è al meglio. Io credo che Michele supererà questo momento di appannamento e presto sarà determinante per noi.

RIGOLI – E’ un tecnico che ha tanta passione per questo sport. E’ applicato e sa che deve fare bene nella sua città, ma la partenza è buona anche se dobbiamo migliorare in alcuni aspetti e trovare la nostra fisionomia di gioco. Ha un organico importante e può sbizzarrirsi con i cambi di modulo e di calciatori. Io ho piena fiducia nel nostro allenatore che, come sempre è avvenuto durante la mia gestione, è supportato dalla società tutti i giorni. Lui sa che il Catania deve puntare alla promozione senza se e senza ma.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy