ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Collovati a ISP: “Inter in pole scudetto ma Milan c’è. Giroud? Alla Juve restano i rimpianti”

(Getty Images)

L'ex difensore del Milan ha fatto il punto sulla squadra rossonera ai microfoni di Itasportpress

Redazione ITASportPress

In merito al brillante momento del Milan, la redazione di ItaSportPress.it ha intervistato in esclusiva Fulvio Collovati, storico ex calciatore rossonero.

Come giudica il Milan visto contro il Torino? 

“Lo stretto necessario. A me i rossoneri hanno convinto: non è facile giocare contro le squadre di Juric. A mio avviso il risultato è positivo”.

Pioli lo chiama in causa e Giroud risponde sempre presente. A suo avviso può rappresentare un rimpianto di mercato per la Juventus? 

“Non solo lui. Haaland dove lo mettiamo? Alla Juve hanno inanellato una serie di errori, uno dietro l’altro, che guardarsi indietro suscita inevitabilmente rimpianti”.

Giroud sarebbe servito ai bianconeri? 

“Assolutamente sì. Allegri non ha, allo stato attuale, un attaccante che riempia l’area di rigore. Non mi dite che l’identikit è quello di Morata, perché Morata non è questo tipo di giocatore”.

 (Getty Images)

Tornando al Milan qual è il giocatore che l’ha colpita di più?

“Su tutti, in assoluto, Tomori. Per me, insieme a Koulibaly, è il miglior difensore della Serie A. Non è un caso che Milan e Napoli siano, infatti, prime in classifica”.

Altri?

“Benissimo come sta rendendo Calabria. E quanto è cresciuto Brahim Diaz!”.

Alla lunga i rossoneri potrebbero perdere terreno a causa dell’assenza di Maignan? 

“Assolutamente no. Tatarusanu è un degnissimo sostituito. Con il Toro ha salvato il risultato”.

I rossoneri possono ambire a avanzare in Champions oppure dovrebbero sacrificarla a vantaggio del campionato? 

“Nessun sacrificio. Il Milan con il Porto si gioca una partita da dentro o fuori e farà il possibile. Va detta, in ogni caso, una cosa”.

Prego.

“Indipendentemente da come andrà, al Milan serve un centrocampista. I rossoneri si devono rinforzare a gennaio, per poter lottare fino alla fine”.

Ipotizza pertanto un Kessie ai margini già a gennaio? 

“Assolutamente no”.

Lo stallo legato al suo rinnovo potrebbe condizionare l’andamento stagionale del Milan? 

“In nessun modo. Dicono lo stesso di Insigne, eppure guardate dov’è il Napoli! Ormai il calcio è così. I calciatori non hanno mai guardato, poi, ai contratti dei compagni”.

Banda Pioli pertanto favorita per lo scudetto? 

“L’Inter ha la rosa più competitiva di tutte. Ma, per il cammino che stanno facendo Napoli e Milan, non possiamo non considerarle alla pari”.

tutte le notizie di