ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Italia, Bordon a ISP: “Non ho dubbi: andremo in Qatar. A marzo spirito Wembey “

(Getty Images)

Il due volte campione del Mondo con l'Italia ha tracciato il futuro degli azzurri ai microfoni di Itasportpress

Redazione ITASportPress

Ivano Bordon di Mondiali se ne intende avendone vinto due, uno da calciatore con Bearzot in Spagna nel 1982 e un secondo titolo da componente dello staff di Marcello Lippi in Germania nel 2006. L'ex portiere dell'Inter e della Nazionale sul futuro dell'Italia dice la sua ai microfoni di Itasportpress.it

Bordon, in quattro mesi da campioni d'Europa ai playoff per andare al Mondiale... Che è successo?

"E' successo che abbiamo sbagliato due rigori e il match contro la Bulgaria a settembre. Non è che siamo dopo pochi mesi dall'Europeo diventati dei brocchi evidentemente, ha pesato forse un problema di condizione fisica oltre ai citati penalty sbagliati".

Cosa ci è mancato a Belfast?

"Mi aspettavo un risultato diverso, ma va dato merito agli irlandesi che si sono chiusi bene e ci hanno anche creato delle difficoltà. Purtroppo siamo arrivati nell'ultima gara del girone a giocarci una partita da dentro o fuori. La pressione si è fatta sentire".

Ce la faremo a qualificarci?

"Ne sono convinto anche se questi mini gironi non sono una passeggiata di salute. Bisogna essere anche fortunati nel sorteggio ma resto ottimista. Sono convinto che per marzo i nostri azzurri avranno lo stesso spirito di Wembey e andremo in Qatar"

Mancini cosa deve fare per arrivare al top a marzo?

"Mancano tanti mesi e bisogna vedere quali saranno per quel periodo gli impegni delle squadre che danno più calciatori all'Italia. La loro condizione e il loro stato di salute sarà determinante. Sono certo che ritroveranno a marzo la stessa voglia e capacità di giocare vista in estate".

 Getty Images
tutte le notizie di