Lo Monaco a ISP: “Papu Gomez elemento imprescindibile e l’Atalanta può dare fastidio anche al Barcellona”

Lo Monaco a ISP: “Papu Gomez elemento imprescindibile e l’Atalanta può dare fastidio anche al Barcellona”

L’esperto dirigente ha scoperto il Papu Gomez quando giocava in Argentina

di Redazione ITASportPress

L’Atalanta che vince e che convince in Italia e in Europa, ha il suo portabandiera: è il numero 10 Papu Gomez. L’ex del Catania, ha partecipato a 100 delle 109 vittorie ottenute dalla Dea da quando lui è a Bergamo. In cinque anni e mezzo, solo nove volte non c’era quando la squadra è tornata a casa con tre punti: non è un caso che negli ultimi tre anni e mezzo Gasperini non l’abbia tolto praticamente. L’argentino, che fu scoperto da Pietro Lo Monaco, attuale Dg del Catania che lo portò alle pendici dell’Etna nel 2010 prelevandolo dal San Lorenzo, poteva andare all’Inter nel 2012. Lo Monaco ai microfoni di Itasportpress.it parla del momento del Papu e della squadra nerazzurra: “L’Atalanta è un grande spot per il nostro calcio. E’ un bene che esistano queste favole che danno credibilità al calcio.  Arrivare ai quarti di finale di Champions è un grandissimo risultato ma potrebbero anche arrivare in finale visto il calcio che producono. L’Atalanta non è una sorpresa perchè gioca bene, la squadra è aggressiva, tengono bene il campo e hanno un giusto equilibrio nelle due fasi. Questa è una squadra che può dare fastidio a tutti in Champions anche al Barcellona. Mettere dei limiti a questa Atalanta che si esprime in questo modo è impossibile. Papu Gomez ha raggiunto una maturità globale pazzesca e poi ha grande tecnica e grande velocità. L’argentino inoltre ha un acume e saggezza tattica che lo rendono un elemento imprescindibile in quell’orchestra. Il suo valore è altissimo anche se la carta di identità non parla a suo favore. Non ha prezzo ma l’Atalanta non lo cederà mai. E’ un giocatore che come a Ilicic ha espresso tardi tutto il suo potenziale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy