ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Sampdoria, Gasparin a ISP: “Ferrero ha fallito, mai stato presidente all’altezza”

Ferrero (getty images)

Gasparin ha parlato ai microfoni di Itasportpress di Cuadrado che ha gestito a Udine

Redazione ITASportPress

L'ex dg della Sampdoria Sergio Gasparin ha parlato ai microfoni di Itasportpress di Massimo Ferrero, ex presidente del club blucerchiato, e poi di Juan Cuadrado che ha gestito in terra friulana.

Da ex doriano: come ha accolto la notizia dell’arresto di Ferrero?

“Per me non è stato un presidente all’altezza della piazza blucerchiata, lo penso sin dall’inizio. Io sono sempre rimasto tra i primi tifosi della Sampdoria, nonostante Ferrero. Il suo mandato è stato completamente fallimentare”

La squadra potrebbe risentirne psicologicamente in occasione del derby contro il Genoa di venerdì?

“Secondo me no. Il fascino di quella partita, che io ho vissuto, supera qualsiasi cosa”.

Che idea si è fatto rispetto all’inchiesta plusvalenze?

“Ci sono plusvalenze reali e altre non reali. Il prezzo di un calciatore è dato dal mercato”.

La stupisce la Juventus nell’occhio del ciclone?

“Non entro nel merito della vicenda giudiziaria che riguarda la Juventus. Mi limito semplicemente a dire, in maniera del tutto generale, che molti top club, italiani e esteri, non hanno sempre fatto quadrare perfettamente i bilanci…”

 (Getty Images)

Parliamo di Cuadrado: ha sempre avuto colpi come il corner di domenica contro il Genoa?

“Sì, Juan è un fenomeno. A mio giudizio è un top player…”.

Non è tanto chiacchierato in Europa…

“Forse perché ha fatto meno bene al Chelsea, in Premier League. Ma le sue qualità sono da top player”.

In quale ruolo è più incisivo?

“Secondo me deve giocare alto a destra, con un’ottima copertura alle spalle”.

La Juve deve rinnovarlo in tempi brevi il contratto?

“Credo proprio di sì. Ma penso che sia anche interesse di Allegri tenerlo”.

Ranocchia, tanto rimpianto da molti tifosi della Juventus, è realmente un calciatore di grandi potenzialità?

“Sì, non ho ombra di dubbio su questo. Vorrei raccontare un aneddoto a tal proposito…”.

Prego.

“Anni fa vidi dal vivo uno spareggio tra Empoli e Reggina. Dissi a un mio amico che c’era in campo un calciatore che avrebbe scritto pagine di storia della Juventus e della Nazionale. Si trattava di Claudio Marchisio, e – data la sua carriera – direi che non mi sono sbagliato. Ranocchia può emulare il suo percorso: deve solo fare i giusti step”.

Conosce perfettamente la piazza di Vicenza: come commenta, sin qui, il campionato dei veneti?

“La Serie B è di alto livello. Secondo me è molto più emozionante del passato. I veneti potevano ambire ai play-off, ma erano palesemente privi di un regista. Spiace per Di Carlo, che è un ottimo allenatore: ha pagato anche colpe non sue. Ora, con un buon mercato di gennaio, possono risalire con Brocchi”.

 

tutte le notizie di