ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

Vicenza, Cerilli a ISP: “Serve l’impresa ad Alessandria. Pubblico non merita questa sofferenza”

L'ex calciatore del Vicenza ha parlato ai microfoni di Itasportpress

Redazione ITASportPress

Il Vicenza dopo le vittorie contro Como e Lecce ha riacceso le speranze di salvezza. Il tecnico, Francesco Baldini, sulla panchina veneta dal 18 aprile, ha saputo trasformare la squadra che adesso se riuscirà a battere l'Alessandria, nell'ultimo match di Serie B, avrà compiuto una vera impresa. Ai microfoni di Itasportpress.it ha fatto le carte al Vicenza, l'ex calciatore, Franco Cerilli.

Si aspettava questa incredibile rimonta contro il Lecce?

"Ero allo stadio sabato scorso ed ho visto che il Lecce stava dominando. I pugliesi meritavano la vittoria, ma il match è cambiato dopo il petardo lanciato in campo. Il lungo stop e poi l'uscita in barella del portiere vicentino sono stati decisivi visto che appena ripreso il match si è giocata un'altra partita. Un episodio che ha sgonfiato il Lecce, ma il Vicenza è stato bravo a crederci e vincere la partita".

Il Lecce, tramite il ds Corvino ha criticato l'atteggiamento del portiere Contini che a suo dire avrebbe speculato. Qual è il suo pensiero?

"Non credo che Contini abbia speculato, ma poi come si fa a dire una cosa del genere senza sapere cosa è realmente successo al portiere? Bisogna tacere in questi casi".

Quante chance dà al Vicenza di battere l'Alessandria?

"I piemontesi in campionato hanno fatto meglio del Vicenza e dunque vedo favorita l'Alessandria. Spero che la squadra biancorossa possa salvarsi facendo un'impresa. Di questo dobbiamo parlare in questo momento visto come sono andate le cose in campionato per il Vicenza. Sono due squadre in fondo alla classifica ma l'Alessandria ha due risultati su tre."

Francesco Baldini sembra aver dato la classica scossa: cosa pensa del mister arrivato da Catania?

"Non saprei perchè non vivo lo spogliatoio ma il Vicenza ha lottato contro un Lecce che in campo era nettamente superiore".

Il rapporto tra tifosi e proprietà non è proprio idilliaco ma come se lo spiega?

"Sabato ho visto un pubblico da Champions League al Menti e sarebbe un vero peccato per i tifosi dover accettare una assurda retrocessione. Un pubblico del genere non può avere una squadra in Serie C ma merita altri palcoscenici. Se i tifosi contestano la proprietà è solo per la mancanza dei risultati. Credo sia una cosa normale nel calcio la contestazione e non si dica che tutto nasce dalla maglia-pigiama. Se fossero arrivati i risultati, il pubblico vicentino avrebbe accettato anche la maglia a quadretti stile quaderno o la tovaglia di tavola. Vicenza merita altri palcoscenici e non questa sofferenza. Ecco dove nasce la contestazione a Renzo Rosso".

 

 

tutte le notizie di