Chelsea, Sarri: “Io alla Juventus? Solo sui giornali. Coppa che dedico ai tifosi del Napoli”

Chelsea, Sarri: “Io alla Juventus? Solo sui giornali. Coppa che dedico ai tifosi del Napoli”

Il tecnico italiano dopo la conquista dell’Europa League

di Redazione ITASportPress

Sommerso di critiche intorno a metà stagione, ha saputo trasformare la stagione del Chelsea in qualcosa di strepitoso: qualificazione in Champions League e vittoria in Europa League. Parliamo ovviamente di Maurizio Sarri, al primo titolo da allenatore, che ha commentato così il 4-1 rifilato all’Arsenal a Baku: “Abbiamo fatto una buona stagione, siamo riusciti a guadagnarci la Champions tramite la Premier e non era affatto semplice visto il livello del campionato. Abbiamo perso solo ai rigori l’altra finale in Inghilterra, mentre in Europa League non abbiamo mai perso. È venuto fuori stasera il 4-1 contro un avversario forte, la stagione con questo successo passa dal buono all’ottimo, quindi dall’8 al 9. Certo, ci sono state difficoltà, ma da febbraio in avanti i cambiamenti sono stati ottimi da parte dei giocatori e anche da parte mia.

Sull’addio di Hazard, che ha confermato di voler provare una nuova avventura: “Giocatore straordinario con ancora margini di miglioramento, mi dispiace tanto che se ne vada”. Sul suo, invece, di futuro: “Io invece ancora non so, ora festeggiamo poi tireremo le somme con la società. Gli anni di contratto sono ancora due, non ci sono grandi problemi ma come in ogni società il confronto è obbligatorio è dovuto. Negli ultimi 20 giorni sono stato dato per certo a Roma, poi Milan e Juventus. L’accostamento mi fa sempre lo stesso effetto”.

Non sono mancati i complimenti del Napoli e del suo presidente: “Mi fa piacere tutto questo, non avevo dubbi sarebbe successo. I napoletani sanno dell’amore che provo per loro, lo scorso anno ho scelto l’estero per non andare subito in un’altra squadra italiana. L’apprezzamento verso Napoli città, tifoseria e squadra è indubbio da parte mia, poi la professione può portati altrove, è un’altra cosa. Dedica? Alla famiglia è scontato, un pensiero va ai tifosi napoletani con cui non sono riuscito ad ottenere gioie di questo tipo, e poi ai giocatori che per infortunio non sono arrivati fino a qui: Loftus-Cheek, Hudson-Odoi, Rudiger”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy