Berlusconi: “Non bastano solo gli addii di Tavecchio e Ventura. Errore prendersela con gli stranieri”

Berlusconi: “Non bastano solo gli addii di Tavecchio e Ventura. Errore prendersela con gli stranieri”

Le parole dell’ex patron del Milan a Radio 105

di Redazione ITASportPress

“Le dimissioni di Tavecchio e Ventura (in realtà il ct è stato esonerato, ndr) erano scelte inevitabili”. Così Silvio Berlusconi, parlando della crisi dell’Italia eliminata dai Mondiali di Russia 2018 e della Federcalcio in una intervista telefonica a Radio 105. “Bisogna ripartire da zero, però sarebbe sbagliato se considerassimo Ventura e Tavecchio i soli colpevoli dell’accaduto. La verità è che il calcio italiano è molto debole e la responsabilità è di molti” afferma l’ex patron del Milan.

“E’ un errore prendersela con gli stranieri, perché in altri Paesi come la Germania o l’Inghilterra sono più di quelli presenti in Italia. Però bisogna utilizzarli per fare crescere i calciatori italiani. Nel mio Milan, i vari Gullit, Van Basten, Shevchenko, Kaka erano sempre affiancati da campioni italiani, vedi i vari Maldini, Costacurta, Baresi, Gattuso, etc.

“Il calcio è uno sport seguito da miliardi di tifosi nel mondo ed è un grave danno d’immagine anche dal punto di vista del turismo, della moda, dei prodotti italiani in genere. In più i prossimi Mondiali si giocano nella federazione russa dove c’è grande simpatia per quello che di produce in Italia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy