Bundesliga caos, sospesi match Borussia D. e Bayern per striscioni offensivi. Poi la clamorosa protesta dei calciatori

Bundesliga caos, sospesi match Borussia D. e Bayern per striscioni offensivi. Poi la clamorosa protesta dei calciatori

Due episodi che hanno fatto scattare il protocollo antirazzismo

di Redazione ITASportPress

Bundesliga continua a far parlare di se in senso negativo e poco di calcio. Dopo il precedente della scorsa settimana, anche in questo week end sono proseguiti gli atteggiamenti ostili e l’esposizione di striscioni offensivi nei confronti del patron dell’Hoffenheim Dietmar Hopp da parte dei tifosi del Borussia Dortmund e del Bayern Monaco. Gli arbitri che hanno diretto le due sfide, rispettivamente dei gialloneri in casa contro il Friburgo e dei campioni di Germania sul terreno dell’Hoffenheim hanno interrotto i match. I giocatori e i dirigenti del Bayern, sono andati sotto la curva per far desistere i propri sostenitori da questa protesta incivile. I tifosi del Bayern Monaco non hanno ritirato lo striscione nemmeno dopo l’intervento del tecnico Hans-Dieter Flick, del direttore sportivo Hasan Salihamidzic e del presidente Karl-Heinz Rummenigge. Il match interrotto al 78′ è ripreso 10 minuti dopo ma i 22 giocatori per protesta contro i tifosi incivili, hanno completato la gara scambiandosi il pallone per i 12 minuti finali. Il Bayern ha vinto 6-0 ma il finale di match è stato davvero incredibile. A Dortmund l’interruzione è avvenuta durante  la parte finale del primo tempo.

Il Bayern conferma la leadership in campionato e con il 6-0 di oggi arrivato grazie ai gol di Gnabry (al 2′), Kimmich (al 7′), Zirkzee (al 15′) e Goretzka (al 62′) oltre alla doppietta di Coutinho (al 33′ e al 47′) spaventa gli avversari. Il Bayern ora ha 52 punti. RB Lipsia (48) giocherà domani contro Bayer Leverkusen. Il Borussia Dortmund è  terzo dopo la vittoria per 1-0 contro l’SC Freiburg. Dietro bene il Borussia Mönchengladbach 3-2 contro l’FC Augsburg.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy