Zenga: “L’addio al Cagliari mi ha fatto malissimo. Di Francesco non viene dalla luna”

Parla l’Uomo Ragno

di Redazione ITASportPress

Walter Zenga, allenatore reduce dall’esperienza sulla panchina del Cagliari nel post lockodown, ha parlato alla vigilia della partita tra i Sardi e il Crotone, penultima squadra allenata in Serie A dell’ex portiere dell’Inter.

LE PAROLE DI ZENGA

Zenga
Zenga (Getty Images)

Cagliari? Mi sento come un fidanzato mollato senza un perché. Fa ancora malissimo – ha dichiarato Zenga riguardo all’esperienza in Sardegna. Ho lanciato tutti i giovani a disposizione e avuto a disposizione Nainggolan solo per due partite e qualche spezzone. In quelle gare abbiamo fatto bene. Ma il calcio è una ruota che gira. Forse fin dall’inizio non c’era la volontà di andare avanti insieme. Resta amarezza, stavo bene a Cagliari. Rispetto però la scelta. Di Francesco? Ha fatto bene, mica viene dalla luna. Mi sarei però aspettato una sua chiamata, mi è dispiaciuto.  Cigarini? Sono state cose di spogliatoio, quel che è successo rimane tra noi. Dovessi ritrovarlo lo farei giocare, perché vale. Non ci siamo capiti, ma è stata una scelta mia. Vorrà dimostrare che vale”. Poi l’allenatore è tornato a parlare dell’esperienza in Calabria:” A Crotone è stato un viaggio pieno di emozioni: avevamo i tifosi allo stadio che ci spingevano a fare sempre meglio. A Cagliari non ho potuto vedere i tifosi riempire lo stadio, sentire la loro gioia quando abbiamo battuto la Juve ma anche i fischi quando abbiamo perso con l’Udinese

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy