ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

LA STORIA

Il miracolo di Elabdellaoui: “Prima ero cieco, ora posso tornare a giocare a calcio”

Instagram Elabdellaoui

Il racconto del difensore norvegese

Redazione ITASportPress

Storia miracolosa quella di Omar Elabdellaoui. Alla vigilia del capodanno 2020, l'esplosione di un fuoco d'artificio vicino alla faccia: polvere da sparo e metallo gli erano penetrati nella pelle e nei bulbi oculari e la sua giacca bruciava. Dopo 11 interventi per la ricostruzione della cornea dell'occhio, il difensore del Galatasaray è pronto per il suo ritorno in campo. Il giocatore ha rilasciato un'intervista al The Guardian, in cui spiega la vicenda. Ecco il suo racconto:

LA PAURA - "Pensavo solo di avere qualcosa nell'occhio e di doverlo ripulire, ma poi ho sentito la mia faccia bruciare completamente e tutto era nero. Non avevo davvero il controllo nei primi giorni. Tutto era buio, non sapevo se fosse notte o giorno. Il tempo era irrilevante. C'erano molte persone e rumore. Le voci diventano molto più forti quando senti tutto ma non puoi vedere. Più il tempo passava, più avevo paura. Non osavo dormire. Non appena ho avuto un po' di luce dopo alcuni giorni nell'occhio sinistro, avevo paura di dormire come avevo paura del buio, quindi avevo paura di chiudere gli occhi".

LA RIPRESA - "Anche quando ero completamente giù e sentivo che la mia vita era rovinata, ho comunque mantenuto la disciplina. Avrei potuto sentirmi dispiaciuto per me stesso, avrei potuto piangere e sprofondare, ma ho fatto tutto quello che dovevo fare. Gli allenamenti, nonostante vedessi solo da un occhio, mi hanno salvato, mi hanno tenuto in vita. Senza quello non sarei stato in grado di sopravvivere fino in fondo, è stata la mia vera via di fuga. Ho iniziato ad allenarmi presto e ho pensato che sarei tornato a giocare".

RITORNO ALLA VISTA - "È stato davvero speciale, non so come esprimerlo a parole. Puoi provare a immaginare ma non credo sia possibile per nessun altro che non sia stato nella mia posizione. Stavo togliendo il cerotto e avevo un po' di vista. Stavo chiudendo l'occhio sinistro e potevo effettivamente vedere la mia mano sul lato destro. È stato un miracolo, come un sogno che si è avverato. Non pensi mai che vedere sia un sogno, lo dai per scontato".

 Instagram Elabdellaoui
tutte le notizie di