Juventus, Pirlo: “Napoli con Gattuso è più forte ma noi siamo compatti”

Il mister bianconero presenta il match con i campani di domani sera

di Redazione ITASportPress

Alla vigilia del match con il Napoli, il tecnico della Juventus Andrea Pirlo, dalla sala stampa dell’Allianz Stadium, ha risposto alle domande dei giornalisti invitati all’incontro alla vigilia di Juventus – Napoli: «Si affrontano due squadre forti. Il Napoli dall’arrivo di Gattuso sta facendo molto bene e ha diversi punti di forza: ha grande possesso palla, grande attenzione difensiva e lavora insieme da quasi un anno. Noi non siamo da meno, siamo compatti, sappiamo quello che dobbiamo fare tutti i giorni e puntiamo a farlo anche domani sera. L’abbiamo preparata come tutte le altre gare, saremo pronti».

LE INDICAZIONI DA ROMA

«Abbiamo giocato un tipo di gioco adatto a giocare contro la Roma, gli esperimenti andavano fatti, bisognava fare le prove in partita. L’impostazione tattica potrebbe essere la stessa, contro i giallorossi non abbiamo interpretato bene gli spazi in fase offensiva, La partita di Morata? Abbiamo ritenuto avesse la caratteristiche ideali per la gara e non ha fatto male, è un giocatore funzionale al nostro calcio e l’abbiamo comprato appositamente. Sappiamo che è un giocatore forte».

Juventus-Napoli De Laurentiis Agnelli (getty images)

SINGOLI E SCELTE

«Arthur potrebbe giocare dall’inizio, Dybala veniva da un periodo di inattività e serve un periodo di riadattamento. Valuteremo se domani ci sarà la possibilità di farlo giocare dal primo minuto o a gara in corso. Cuadrado e Frabotta sono due potenziali titolari, decideremo domani. Ronaldo? È un grande lavoratore, il primo ad arrivare e l’ultimo ad abbandonare il campo. Ha grande entusiasmo e si vede in tutte le partite. Ha iniziato molto bene e spero ovviamente continui così, per noi è importante, l’abbiamo visto correre fino all’ultimo minuto quando siamo rimasti in dieci, questo deve essere di grande esempio per tutti».

Andrea Pirlo (Getty Images)

LA CHAMPIONS

«Sarà un girone affascinante, perché giocare contro il Barcellona è sempre bello e alza il livello di responsabilità e attenzione nei giocatori. Il calendario sarà fitto, ma giocare la prima a Kiev, quando non sarà ancora inverno inoltrato, è un bene per noi. Il girone ci piace e ci affascina e non vediamo l’ora di iniziare».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy