MotoGp, Rossi perplesso: “Non c’è ancora la moto 2019. Dov’è? Boh, chiedetelo ai giapponesi…”

MotoGp, Rossi perplesso: “Non c’è ancora la moto 2019. Dov’è? Boh, chiedetelo ai giapponesi…”

Le parole poco rassicuranti del pesarese a Motorsport.com

di Redazione ITASportPress

“Ho provato la prima edizione del motore 2019 della M1, sì, ma penso e spero che non sia la versione finale, perché ha solo piccole modifiche ed è molto simile a quello che stiamo usando ora. Spero che a Iwata continuino a lavorare, perché il motore è uno dei problemi, per noi. I nostri ingegneri devono renderlo migliore”. Non tira aria buona in casa Yamaha e a suonare il campanello d’allarme ci ha pensato direttamente Valentino Rossi.

I primi test sul prototipo di quello che sarà il propulsore della stagione 2019 di MotoGp non hanno dato risultati soddisfacenti e il pilota di Tavullia inizia a mostrare frustrazione per problemi che al momento non sembrano in via di risoluzione.

E ancora a rincarare la dose di inquietudine del Dottore, il ritardo con cui la Yamaha sta proponendo ai piloti nuovi aggiornamenti: “Una cosa preoccupante è che, di solito, i test a Brno che si fanno dopo la gara erano il momento in cui negli anni passati provavamo la M1 dell’anno successivo. Ma nelle ultime due stagioni questo non è avvenuto. Dov’è la moto dell’anno prossimo? Boh, io non lo so, chiedetelo ai giapponesi. Sfortunatamente nei test non abbiamo provato tante cose per il prossimo anno”, ha concluso uno sconsolato Rossi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy