Nainggolan: “Conte era pazzo di me, peccato…”

Nainggolan: “Conte era pazzo di me, peccato…”

Il belga ha parlato ai microfoni di Dazn

di Redazione ITASportPress

In estate, Radja Nainggolan ha salutato l’Inter per tornare in prestito al Cagliari. Sulla separazione dai nerazzurri il belga è tornato nel corso di un’intervista a Dazn, nella quale ha sottolineato il suo rapporto con il tecnico Antonio Conte.

CONTE – “Mi sarebbe piaciuto essere allenato da lui: in un mese ne ho potuto apprezzare la sua determinazione e le sue idee. Era molto chiaro e diretto, dicendo apertamente quando una cosa non gli andava bene. Durante la preparazione mi ha chiamato a parte per dirmi che di me era malato e che mi voleva anche al Chelsea, ma che si trattava di una decisione presa dalla società e da lui condivisa. Me lo ha detto chiaro e tondo fin dal primo giorno e io apprezzo chi ti dice le cose in faccia”.

RICERCA DELLA NORMALITÀ – E ancora, il belga: “Sto cercando di rispettare le regole, ho superato i 30 anni. Negli ultimi anni ho combinato qualche casino, ma quando ho sbagliato l’ho sempre fatto in buona fede. Cerco la normalità, mi piace andare alle sagre di paese. Staffetta con Barella? È giovane, ma ha tantissime qualità. Deve crescere ancora, può diventare un top player. Prima non ero scaramantico, poi ho conosciuto Cellino e Conti…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy