Bari, il club va a De Laurentiis che diventa nuovo presidente

Bari, il club va a De Laurentiis che diventa nuovo presidente

Dopo il lunedì nero del 16 luglio che ha sancito il fallimento del Bari dopo 110 anni di storia, il calcio rivive a Bari grazie a De Laurentiis

di Redazione ITASportPress

Il Bari ripartirà dalla Serie D con un nuovo proprietario: è Aurelio De Laurentis, patron del Napoli che ha deciso di investire in Puglia. Il sindaco Antonio Decaro spiega perchè delle 11 manifestazioni di interesse per il club pugliese, ha scelto proprio il numero uno campano: «Ho scelto Aurelio de Larentiis perchè ha una solidità economica, per la competenza sportiva e per il nome che si porta dietro come ha precisato nella lettera di accompagnamento. Ho scelto lui – ha aggiunto – perchè gestisce una società di calcio in serei A che partecipa alle coppe europee e proprio perchè sta in serie A ha meno conflitti di interessi con il percorso che il Bari dovrà fare. Ho scelto lui – ha precisato – perchè è la persona con cui ho litigato di più». L’avvocato Mattia Grassani, che sta curando l’assegnazione del titolo sportivo per conto della SSC Bari del patron partenopeo, ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di Telebari: “Abbiamo lavorato duramente a fari spenti. Ieri pomeriggio verso le 16-17 abbiamo presentato la nostra manifestazione d’interesse. Parliamo di procedimenti complicati e competitivi. Con tutto il rispetto per la stampa non si fanno proclami sui giornali o sui social. Si parla con le carte nelle sedi competenti. Speriamo di essere premiati. Bari è una piazza importante. Per Aurelio è una vera e propria sfida. Abbiamo progetti a 360 gradi e quantificato l’investimento da fare. Giancaspro? Non lo sento da qualche mese. Mi ha molto deluso sia dal punto di vista umano che professionale”. Domani, alle 12, la prima conferenza stampa di Aurelio De Laurentiis come proprietario del Bari, nel capoluogo pugliese. Il patron del Napoli spiegherà il progetto col quale vuole creare “un polo del Sud Italia”, come anticipato dal sindaco Decaro.

NAPOLI o BARI? – Tra un anno – perché De Laurentiis ovviamente dà per scontato l’immediato ritorno del Bari tra i professionisti – ci si porrà il problema, risolvibile cedendo ad altri il 51% delle quote e la legale rappresentanza del club. Il problema vero si presenterà tra tre anni, quando il cronoprogramma del presidente prevede il grande ritorno dei pugliesi in Serie A. Lo venderà a qualcuno? Sceglierà tra Bari e Napoli? Niente affatto. De Laurentiis lo ha già accennato ai suoi collaboratori: «Convinceremo il sistema sportivo italiano a cambiare le regole sulle multiproprietà. Faremo la rivoluzione».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy