Fascetti: “Al Napoli manca un metronomo come Jorginho”

Fascetti: “Al Napoli manca un metronomo come Jorginho”

L’esperto ex allenatore inquadra il momento degli azzurri

di Redazione ITASportPress

Una delle sfide del nuovo Napoli di Carlo Ancelotti è riuscire a imporre Marek Hamsik come regista. Lo slovacco si sta impegnando per adattarsi al nuovo stile di gioco, ma serve tempo per imparare i tempi di gioco e come servire i compagni.

Peraltro, è chiaro che il capitano azzurro non sarà mai un metronomo di ruolo e proprio questo è quello che rischia alla lunga di condizionare la stagione della squadra. A sostenerlo è Eugenio Fascetti, esperto ex allenatore di lungo corso, intervistato da Tuttomercatoweb:

“Il Napoli mi sembra ancora un cantiere aperto, credo che la squadra debba ancora assimilare gli schemi di Ancelotti. Per tre anni i giocatori sono stati abituati a seguire sempre un certo spartito, adesso devono cambiare certe abitudini e non è facile, però ce la metteranno tutta per tornare su grandi livelli. Si sta sentendo la mancanza di un metronomo come Jorginho, perché Diawara non ha le caratteristiche per fare il regista, mentre Allan è uno alla Kanté”. Paragone, quest’ultimo, che rifa pensare al Chelsea di Sarri…

Da registrare c’è anche la difesa: “Sei gol presi sono troppi – ammette Fascetti – Koulibaly è irriconoscibile. La partita contro la Fiorentina? Bisognerà vedere come la squadra avrà assorbito la sconfitta contro la Samp, i viola stanno bene e hanno due attaccanti come Chiesa e Simeone che possono far male alla retroguardia del Napoli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy