ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

ROMA

Roma, Pellegrini: “Non mi paragono a Totti. A 16 anni stavo per dare l’addio al calcio”

VERONA, ITALY - SEPTEMBER 19: Lorenzo Pellegrini of AS Roma celebrates after scoring their team's first goal during the Serie A match between Hellas and AS Roma at Stadio Marcantonio Bentegodi on September 19, 2021 in Verona, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Le parole del capitano della Roma

Redazione ITASportPress

Lorenzo Pellegrini è uno dei pilastri del nuovo ciclo della Roma. Il capitano giallorosso ha scritto una lettera al The Players'Tribune, toccando vari argomenti tra cui la situazione attuale della squadra, il paragone con Totti e l'aritmia cardiaca a 16 anni.

LA STRADA GIUSTA - "In questo momento stiamo lavorando parecchio per creare una mentalità vincente, perché mister Mourinho ci dice sempre che deve essere una delle nostre maggiori qualità. Sono sicuro che siamo sulla strada giusta e so di giocare una parte importante in questo processo".

PARAGONE CON TOTTI - "Era il classico capitano che non aveva bisogno di parlare più di tanto, perché era il modo in cui giocava a parlare per lui. Non potrò mai paragonarmi a lui, ma mi piacerebbe provare a ripetere qualcosa di simile, cercando anche di spiegare a tutti cosa significhi la Roma. Ogni giorno dico ai miei compagni cosa significa giocare per questa maglia. Questa non è una fabbrica di talenti, questo non è un trampolino per andare in una squadra più grande. Perché non esiste una squadra più grande. No. Questo è un punto d'arrivo. Roma è Roma".

L'ARITMIA A 16 ANNI - "Quando avevo 16 anni hanno scoperto che nel mio cuore c'era qualcosa che non andava. Mi dissero che avrei dovuto smettere di giocare dai sei agli otto mesi e che dopo avremmo valutato. Quindi niente corsa, niente allenamenti, niente calcio. Niente Roma.  quel momento è stato davvero complicato. Non potevo fare niente, tranne una cosa: ascoltare il mio cuore. al quarto giorno senza aritmia ho chiamato i miei. Volevo fare un altro controllo. Siamo andati dai dottori e hanno detto: 'Stai bene'".

 (Getty Images)
tutte le notizie di