Un “Pozzo” di sapienza e ricchezza: tre club per un triangolo unico in Europa

di Redazione ITASportPress

74 primavere alle spalle, friulano doc, con la cultura del lavoro e la capacità di ingrandire i propri interessi collezionando successi su successi in Italia, Spagna e Inghilterra: questo è il ritratto di Giampaolo Pozzo, imprenditore lungimirante che al giorno d’oggi è l’unico proprietario in Europa di tre club che militano nel massimo campionato: Udinese (Serie A), Granada (Liga) e Watford (Premier League). Insieme al figlio, Gino, ha creato questo triangolo che non fa altro che portare tante soddisfazioni sportive ed economiche.

UDINESE – Con Pozzo al timone (dal luglio 1986), l’Udinese ha raggiunto traguardi incredibili, tra cui la partecipazione alla fase a gironi della Champions League nella stagione 2005/06 e il terzo posto in campionato nelle stagioni 1997/98 e 2011/12. Personaggi chiave di questa cavalcata, impreziosita da plusvalenze milionarie e valorizzazione di giovani talenti, sono stati senza dubbio gli allenatori Zaccheroni, Spalletti e Guidolin e gli attaccanti Iaquinta, Quagliarella e, soprattutto, capitan Di Natale, vera e propria bandiera destinato a restare un altro anno. Dal Friuli sono passati giocatori dalla caratura internazionale di Bierhoff e Sanchez, e altri ne passeranno ancora perché l’ambiente generato da questa proprietà crea un trampolino di lancio, una vetrina per quei giocatori che poi arricchiranno, oltre che le casse dei friulani, il loro portafogli e la loro bacheca di trofei in squadre più blasonate.

GRANADA – Nell’estate del 2009 Pozzo diventa patron anche del Granada e nel giro di due anni porta la squadra nella Liga, dopo due promozione consecutive. Gli andalusi sono una succursale dell’Udinese, tant’è vero che molti giocatori hanno vestito entrambe le maglie e in questa stagione hanno messo in mostra alcuni calciatori che hanno già rapito lo sguardo degli esperti di mercato, due su tutti: Jeison Murillo, difensore colombiano classe ’92 passato all’Inter per 8 milioni di euro, e Youssef El-Arabi, attaccante marocchino autore di 24 reti in 77 presenze negli ultimi tre anni con questa maglia e capocannoniere della squadra con 8 centri nell’ultimo campionato, pedina fondamentale per la salvezza ottenuta all’ultima giornata dagli spagnoli. Da quando il Granada è allenato da Jose Ramon Sandoval non solo è riuscito a salvarsi, ma ha anche attirato l’attenzione del fondo Doyen Sports (advisor di Atletico Madrid, Porto, Siviglia, Benfica), intenzionato ad acquistare la maggioranza della società, ma i Pozzo contano parecchio sulla formazione rojiblanca e hanno rifiutato l’offerta, aprendosi solo alla possibilità di vendere quote di minoranza.

WATFORD  – In un’altra estate, quella del 2012, Pozzo diviene ufficialmente proprietario del Watford e lo riporta in Premier League, al termine della stagione da poco finita, dopo otto anni di assenza. Tra i suoi colpi più importanti va citato Almunia, portiere ex Arsenal, e Cassetti, terzino che ha vestito anche la maglia della Roma. Pure in questo sobborgo di Londra sono passati giocatori che hanno conosciuto la realtà friulana, basti pensare a Faraoni o Fabbrini, e con il passaggio alla massima serie inglese sono previsti, oltre a 160 milioni di euro per il salto di categoria, anche colpi di mercato di primo livello: dall’Inter dovrebbero arrivare Kuzmanovic per 3 milioni di euro e Santon, di ritorno oltre Manica dopo l’esperienza al Newcastle, mentre con il Genoa è trattativa serrata e ben avviata per Perotti, attaccante esterno che ha impressionato con Gasperini. E, inoltre, nelle ultime ore è sbucato fuori anche il nome di Holebas, terzino mancino della Roma. Dopo le parentesi italiane firmate Zola e Sannino, adesso, l’allenatore per la prossima stagione sarà lo spagnolo Quique Sanchez Flores, il quale prende il posto del manager della promozione (Jokanovic) e si presenta con un curriculum di tutto rispetto: Getafe, Valencia, Benfica e Atletico Madrid, con quest’ultimo club nel 2010 ha vinto sia l’Europa League che la Supercoppa Europea. Il nativo di Madrid, tra gli altri, allenerà anche gli “azzurri” Motta, Munari, Angella e Forestieri. Sarà felice Elton John, celebre cantante inglese e adesso presidente onorario del club, che ha sempre mostrato vicinanza verso gli “Hornets” in quanto grande tifoso. Uno sponsor in più per riabbracciare la Premier League da protagonisti, con alla base la saggezza e la competenza italiana griffata Giampaolo e Gino Pozzo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy