Ancona, paura in allenamento: tifosi aggrediscono i calciatori, Paolucci in prima linea

Dopo lo spiacevole accaduto, è arrivato anche il comunicato di solidarietà dell’Assocalciatori

di Redazione ITASportPress

In piena zona play-out, solamente a +1 dall’ultimo posto che è sinonimo di retrocessione in Serie D.

E’ in crisi l’Ancona, che non riesce a risollevarsi nella classifica del girone B della Lega Pro. Pessima stagione finora, ma niente che giustifichi il comportamento aggressivo di alcuni tifosi. Oggi, infatti, i giocatori hanno vissuto attimi di paura per l’atteggiamento di una ventina di ultras che, giunti allo stadio Del Conero, hanno affrontato prima l’attaccante Michele Paolucci e poi tutta la squadra, allenatore compreso. Sono volate sia parole grosse che qualche spintone.

Le forze dell’ordine giunte sul posto sono riuscite a calmare gli animi, sedando la quasi rissa che è durata fortunatamente solo pochi minuti.

Dopo lo spiacevole accaduto, è arrivato il seguente comunicato di solidarietà dell’Assocalciatori: “L’AIC è vicina a tutti i calciatori dell’Ancona e a tutti i tesserati che subiscono intimidazioni e aggressioni e, sostenendo gli associati vittime degli odierni fatti di Ancona, chiede l’intervento degli organi competenti – federali e statali – per fermare il crescente clima di intolleranza che alimenta le condotte violente e ferisce la dignità dei ragazzi e la loro professionalità come lavoratori, tanto da costringerli, perdurando tale situazione, a valutare la sospensione dell’attività lavorativa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy