Calcagno (AIC): “Dopo i vergognosi fatti di Taranto rischio sospensione del campionato di Lega Pro”

Dura presa di posizione dell’Associazione italiana calciatori dopo l’aggressione avvenuta all’esterno dello stadio Iacovone

di Redazione ITASportPress

Sotto choc a Taranto con i calciatori e il tecnico del Taranto aggrediti da un manipolo di facinorosi. Ai microfoni di TuttoLegaPro, parla il vice-presidente dell’Associazione italiana calciatori, Umberto Calcagno: “Abbiamo contattato i giocatori e la Lega Pro e stiamo andando a verificare di persona quanto accaduto. Se fosse vero che l’ennesima aggressione è avvenuta addirittura con mazze e coltelli, significa che abbiamo superato ogni limite e che prenderemo le conseguenze del caso”.

RISCHIO STOP AI CAMPIONATI –  “Certamente. Parleremo con tutti i rappresentanti delle 60 squadre e con i vertici della Lega Pro. In base a quello decideremo. C’è bisogno di un gesto forte di tutto il sistema verso qualcosa che col sistema ha nulla a che fare, ossia i violenti. Perché bisogna tutelare i calciatori: non è possibile avere paura di essere picchiato o minacciato di morte se hai perso una partita. E’ una situazione ingovernabile, non si può immaginare che nel luogo di lavoro dei ragazzi vengano aggrediti in maniera così vile”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy