Catania, a ore la risposta alla cordata Pellegrino-Pagliara ma ci sono investitori all’orizzonte. Lo sconcerto del club per…

Catania, a ore la risposta alla cordata Pellegrino-Pagliara ma ci sono investitori all’orizzonte. Lo sconcerto del club per…

Nuovi interessamenti per il club si registrano

di Redazione ITASportPress

L’ottimismo di una risalita verso una posizione play off importante, si è perso per strada dopo l’incubo coronavirus. Ad oggi la situazione del Catania è molto grave. C’è da salvare il salvabile, in primis la matricola e assicurare la partecipazione almeno alla terza serie per la stagione 2020/21 allo storico Elefante rossazzurro.

STIPENDI – Naturalmente c’è anche da pagare i calciatori e quelle persone che lavorano in società. Ai giocatori mancano all’appello alcune mensilità e ieri hanno messo in mora la società. Discutibili i tempi e la modalità non certo riservata di questa azione che crea ulteriore confusione e potrebbe anche allontanare i possibili nuovi acquirenti interessati al Calcio Catania. Il club non vuole rispondere adesso e lo farà solo dopo il pagamento degli emolumenti a tutti i calciatori. E’ vero che il sodalizio etneo non ha replicato ufficialmente alle lettere dei calciatori ma pare che i dirigenti avevano avviato un dialogo con il capitano Marco Biagianti. Finora alcuni tesserati hanno incassato la mensilità di gennaio e a beneficiarne sono stati i calciatori che percepiscono uno stipendio fino a 3 mila euro. Una forma di pagamento crescente sarà attuata ma si prevede che entro il 15 maggio tutti avranno almeno pagato gennaio e forse anche febbraio. Il mister Lucarelli è stato pagato.

STANZE SPORCHE – I calciatori non sarebbero stati costretti dalla società a rimanere a Catania come è stato sbandierato nella lettera di ieri ma sarebbe stata una loro decisione. La struttura di Torre del Grifo ha continuato a funzionare durante il lockdown con la presenza di cuochi e del personale addetto alle pulizie. Ma la società etnea è alquanto sconcertata per come qualche calciatore ha lasciato la propria stanza prima di abbandonare Torre del Grifo Village. Il club ha anche un video che sarà reso pubblico nei prossimi giorni dove mostrerà le condizioni pietose di alcune stanze. Finestre lasciate aperte durante un temporale e qualche camera si è anche allagata per la pioggia penetrata anche sui muri. Nel mirino del club etneo c’è un calciatore in particolare arrivato lo scorso luglio a Catania. Il club ha rilevato il comportamento esemplare di qualche giocatore che ha lasciato i locali in ordine e anche profumati.

CESSIONE – Ci sono novità in merito all’acquisizione del club etneo e non solo per la struttura di Torre del Grifo. Si registrano interessamenti da parte di altri acquirenti che nelle ultime ore hanno chiamato Finaria. Intanto si è appreso che tra max 24 ore la cordata di imprenditori rappresentata da Maurizio Pellegrino e Fabio Pagliara riceverà una risposta ufficiale in merito alla manifestazione di interesse presentata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy