Catania, Lo Monaco: “Danni seri, ci tuteleremo in tribunale: ma adesso si torna tutti in campo”

Catania, Lo Monaco: “Danni seri, ci tuteleremo in tribunale: ma adesso si torna tutti in campo”

L’ad del club rossazzurro depone le armi in tema di ripescaggio: “Ci hanno esposto al ridicolo”

di Redazione ITASportPress

Il primo Consiglio Federale dell’era Gravina sembra aver chiuso definitivamente “la partita” sul format del campionato di Serie B e di conseguenza su quello di C.

Se è vero infatti che l’ultimo pronunciamento sarà quello dell’udienza collegiale fissata in data 15 novembre, la bocciatura del Consiglio di Stato all’apertura che il Tar del Lazio aveva dato ai club che chiedevano il ripescaggio ha raffreddato anche gli ultimi entusiasmi dei club più agguerriti, come si evince dalle parole dell’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco all’uscita dal Consiglio: “Alla luce di quello che deciderà il consiglio di stato il 15 qualsiasi decisione sarebbe stata bypassata. C’è stato l’invito a ricominciare i campionati per dare normalità a tutti. La Serie B continuerà così com’è e la C riprenderà il suo corso normale comprese la Virtus Entella, che inizierà il suo campionato, e la Viterbese, che resterà nel girone C”.

Resta però in piedi il fronte del risarcimento danni: “Le regole sono state disattese, è stato minato il calcio nelle sue fondamenta. E’ stata messa in modo una macchina c’è ha avuto come unico effetto il ricoprirci di ridicolo. La Serie B ha puntato sulla dilazione dei tempi e oggi pensare di recuperare 11 partite è impossibile e assurdo. Ci dobbiamo riappropriare del calcio giocato. Ci tuteleremo nei tribunali, i danni sono ingenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy