Catania, Raffaele: “Giocato alla pari col Teramo”. Izco: “Sembravamo noi i primi in classifica…”

Le parole dei protagonisti tra gli etnei

di Redazione ITASportPress

Non basta un ottimo Catania per fermare il Teramo. I rossoazzurri si arrendono al cospetto della formazione abruzzese per 1-0 e incassano la terza sconfitta negli ultimi quattro incontri. Tocca al tecnico Giuseppe Raffaele analizzare il match in zona mista: “Il primo tempo è stato condizionato dal gol subito che ha cambiato subito gli equilibri. Abbiamo cercato di pressarli alti facendo una frazione iniziale che avrebbe dovuto essere di gamba. Quando loro sono riusciti a eludere il nostro pressing, ci hanno messo in difficoltà. Credo che comunque sia stato un primo tempo equilibrato, mentre nella ripresa abbiamo inserito Reginaldo. Credo che stiamo cercando di far giocare tutti quelli a disposizione in queste partite ravvicinate. Reginaldo veniva da 15 giorni di Covid in cui non si era allenato. Nel secondo tempo pensavo di affiancarlo a Pecorino. Abbiamo fatto di tutto per segnare. Ho visto una squadra viva nel secondo tempo. Per fortuna abbiamo due partite in casa per cercare un successo che inizia a mancarci anche a livello di autostima. Abbiamo fatto una gara all’altezza della situazione. Dopo quattro gare senza vittoria, bisogna pensare subito a non commettere altri errori. Oggi comunque abbiamo dimostrato determinazione, giocando alla pari con il Teramo. Se avessimo trovato il gol del pari, ci sarebbe comunque stato stretto. Dobbiamo essere convinti e determinati. Speravo di fare qualche punto in più, ma ora dobbiamo dimostrare il nostro valore nelle prossime gare”.

IZCO

La delusione per il mancato pareggio attanaglia anche Mariano Izco. Il capitano della formazione etnea esprime le sue sensazioni al termine dell’incontro: “Siamo delusi per non aver fatto punti, ma anche molto fiduciosi. Abbiamo fatto molto bene nel secondo tempo. Se continuiamo così, diremo la nostra in campionato. Purtroppo quando si subisce subito gol, diventa difficile rimediare. Il Teramo è secondo in classifica, ma abbiamo fatto di tutto. Ci è mancato solamente il gol. Se continuiamo così le cose andranno bene in futuro. Tutti nel gruppo possono dare una mano. Sarà importante essere tutti sul pezzo. Sembravamo noi i primi in classifica oggi, non ci sono dubbi. Sto ritrovando condizione. Quando si gioca, arriva autostima. Fa sempre bene”.

REGINALDO

Anche l’attaccante Reginaldo commenta la gara in zona mista: “Dobbiamo iniziare le partite con la giusta voglia e la giusta consapevolezza. Se iniziamo le gare come le finiamo, possiamo sfidare tutte le squadre. Noi nel secondo tempo usciamo sempre fuori, oggi ancora più del solito, ma anche perché abbiamo subito presto un gol. Non dobbiamo comunque ricevere il primo schiaffo per reagire. Dobbiamo mettere la nostra identità e le nostre idee dal primo minuto. In questo momento serve la giusta cattiveria, anche se ci gira male. Sono convinto che ci ritroveremo. Il mister ci dice cosa fare e noi arriviamo preparati. Dobbiamo avere più cattiveria perché quello che diamo non basta. Bisogna spaccare il mondo fin dall’inizio. Abbiamo affrontato le favorite per la vittoria finale, ma non vedo il Catania inferiore a queste squadre. Il campionato è ancora lungo e dobbiamo crederci. Possiamo dire la nostra fino alla fine. Quindici giorni di isolamento per il Covid non sono pochi, ma da mercoledì ci sarà un Reginaldo diverso e una squadra differente”:

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy