Messina, Lucarelli: “Mi sono dovuto prostituire per fare venire qui i giocatori di Serie D”

“Ho detto ad Anastasi che le parole di Proto devono servire da stimolo. L’ingenuità di cui parla il presidente è legata alla nostra scarsa capacità di concretizzare”

di Redazione ITASportPress

Alla vigilia della sfida col Monopoli, Cristiano Lucarelli, allenatore del Messina, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in conferenza stampa. Ecco quanto riportato dagli organi di informazione messinesi:

PROTO SU ANASTASI – “Le parole di Proto su Anastasi? Lui voleva dire che avrebbe preso un vice Pozzebon e non voleva denigrare nessuno. Gli ho detto che le parole del presidente devono servire da stimolo. Non a caso lo volevano squadre di tutti i gironi. L’ingenuità di cui parla Proto è legata alla nostra scarsa capacità di concretizzare. L’essenza del calcio è fare goal e non subirli. Adesso creiamo tanto, concretizziamo poco e subiamo al primo tiro”.

CATANIA – “Non voglio più discutere su quella partita. Il Messina ha vinto il derby, i miei giocatori hanno sfoderato la migliore prestazione stagionale. Continuare a parlare del Catania può risultare tuttavia un vizio da provinciali, meglio evitare”.

MERCATO – “Il 31 gennaio alle 19 avevamo una squadra rasa al suolo, mi sono dovuto prostituire per cercare di fare venire a Messina giocatori di Serie D, che invece hanno rifiutato. Da Silva, Sanseverino e Anastasi sono stati tre matti a venire qua ed io li ringrazierò sempre”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dvario5_137 - 4 anni fa

    uh che parole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy