Serie C… risiamo: Rieti, non si gioca il match con la Reggina. Doveva giocare la Berretti

Serie C… risiamo: Rieti, non si gioca il match con la Reggina. Doveva giocare la Berretti

Incredibile nella terza serie

di Redazione ITASportPress

La squadra del Rieti Calcio è in sciopero per i mancati pagamenti degli ultimi mesi, così contro la Reggina, allo Stadio Manlio Scopigno – deserto per la decisione di giocare a porte chiuse, mancando il personale di steward – in campo ci va la Berretti. Altra, ennesima pagina triste del nostro calcio, ancora una volta in Serie C: il Rieti doveva sfidare la capolista calabrese del Girone C con undici ragazzini, molti dei quali che non avrebbero nemmeno voluto disputare questa sfida. I più grandi in distinta erano del 2001, in panchina anche un 2003, come scrive Gianlucadimarzio.it. La squadra di Toscano, come detto al vertice del girone, in attacco schierava il tandem German Denis-Simone Corazza, due di grande spessore che in questa categoria fanno la differenza.

Ore 15.20 – Forse, però, non si gioca. Si è accumulato un ritardo: stando alle ultime indiscrezioni, l’arbitro ha rilevato irregolarità della posizione di mister Lorenzo Pezzotti, tecnico della Berretti del Rieti, che non è autorizzato per allenare in terza serie, non avendo il patentino. In passato era già successo, ma con l’ok da parte della Lega, che oggi però non c’è. Se non si trova la soluzione entro le 15.45, il match non sarà disputato.

Ore 15.33 – La Reggina scende in campo per un riscaldamento un po’ confuso, più precauzionale, in attesa di capire se il match si giocherà. In caso negativo, sarà 3-0 a tavolino per i calabresi.

Ore 15.42 – Al limite del tempo consentito, i ragazzi del Rieti scendono in campo. Vediamo se effettivamente è stata trovata una soluzione.

Ore 15.55 Niente da fare: le problematiche riguardanti il tecnico Pezzotti non sono state superate, per cui verrà assegnato un 3-0 a tavolino in favore della Reggina.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy