Rio 2016, Pellegrini giù dal podio nei 200 sl: “Vivo un incubo. Tiro un cazzotto a tutti se…”

Rio 2016, Pellegrini giù dal podio nei 200 sl: “Vivo un incubo. Tiro un cazzotto a tutti se…”

“Negli ultimi 50 metri ero ‘morta’: non ne avevo più”

di Redazione ITASportPress

Grande delusione per Federica Pellegrini nella finale dei 200 stile libero alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. L’azzurra chiude al quarto posto, grazie alla solita rimonta, con il tempo di 1’55″18 e quindi giù dal podio. L’oro è andato all’americana Katie Ledecky. Argento per la svedese Sarah Sjostrom, bronzo per l’australiana Emma McKeon. La nuotatrice veneta, mai in corsa per una medaglia, al termine della gara ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport: “Mi sembra di essere in un piccolo incubo. In acqua ho avuto sensazioni talmente tanto strane che non aver preso la medaglia è onestamente il mio ultimo pensiero. Negli ultimi 50 metri ero ‘morta’: non ne avevo più. Durante la gara ho avuto sensazioni completamente diverse rispetto a quelle di ieri. Non mi era mai successo prima. Pensavo di poter lottare almeno per il bronzo, peccato. Dopo i primi 150 metri ero così stanca che pensavo di essere più veloce. Poi non ne avevo più e ho chiuso gli occhi fino all’ultimo tocco. Ho dato tutto, mi dispiace, il bronzo era a due decimi. Se ho perso la gara di testa? Ho 28 anni, se mi sento ancora dire che subisco la gara di testa tiro un cazzotto a tutti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy