La vittoria più amara per l’Italia U21. Portogallo e Svezia qualificate

di Redazione ITASportPress

L’Italia di Di Biagio non ce la fa e viene eliminata dall’Europeo Under 21. Una bella prestazione per la squadra azzurra che abbatte i pari età dell’Inghilterra per 3-1 (a segno Belotti e Benassi, quest’ultimo con una doppietta; Redmond, invece, per gli inglesi), ma il pareggio tra Portogallo e Svezia li condanna a tornare a casa dopo la prima fase e a dire addio anche alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Rio 2016, così come era già successo a Londra 2012. I lusitani, che con gli azzurri hanno pareggiato (0-0), terminano la fase a gironi con 5 punti, uno in più della Svezia che al debutto è riuscita a battere in rimonta la squadra di Di Biagio, di fatto condannandola all’eliminazione. Infatti e’ proprio grazie a quel successo nello scontro diretto che, pur chiudendo a quota 4 come Berardi e compagni, passano gli scandinavi.

CRONACA DELLA GARA

Pressione iniziale degli inglesi, che con tanti cross mettono un po’ in apprensione l’Italia, che sale di ritmo con il passare dei minuti. Al 10′ buona idea di Berardi, servito da Cataldi: si gira sul sinistro e calcia, ma il pallone termina alto. Al 13′ grande chance per l’Inghilterra: Kane veste i panni dell’uomo-assist e serve benissimo Ings, che calcia di sinistro sul primo palo: il suo tiro di piatto termina a lato alla destra della porta difesa da Bardi. Poco dopo super intervento del portiere azzurro che vola con la mano di richiamo sul bolide di Kane, pescato con un lancio da Jenkinson. Due minuti dopo l’Italia è in vantaggio: lancio di sinistro di Berardi, Belotti aggancia il pallone con una conclusione in acrobazia e non dà scampo a Butland. Gli inglesi accusano il colpo e arriva immediato il raddoppio degli azzurrini: Crisetig lancia la ripartenza, scarico per Benassi che con un chrirugico piatto destro – complice la lieve deviazione di Gibson – supera ancora Butland. Poco prima del finale di tempo, l’Inghilterra si rende pericolosa con Kane, ma Bardi non si fa sorprendere. 

Nella ripresa i ritmi si abbassano notevolmente. Gli azzurrini trovano il terzo goal a metà ripresa: sgli sviluppi di una rimessa laterale, Trotta gira in mezzo e Benassi batte di testa Butland e firma la doppietta personale. Poi gli azzurrini aspettano il risultato di Portogallo-Svezia e al 82′ arriva il goal di Gonçalo Paciência che consegna la qualificazione alla semifinale alla squadra di Di Biagio. Si sogna fino al 89′, poi il goal di Tibbling condanna l’Italia all’eliminazione.

INGHILTERRA-ITALIA 1-3

Inghilterra (4-2-3-1): Butland; Jenkinson, Stones, Gibson, Garbutt; Chalobah, Forster-Caskey (63′ Loftus-Cheek); Redmond, Ings, Lingard; Kane. A disp.: Bond, Bettinelli, Keane, Moore, Chambers, Targett, Pritchard, Ward-Prowse, Carroll, Hughe, Afobe. All.: Southgate.

Italia (4-3-3): Bardi; Zappacosta (83′ Viviani), Rugani, Romagnoli, Biraghi; Cataldi, Crisetig, Benassi; Berardi (62′ Sabelli), Trotta (75′ Verdi), Belotti. A disp.: Leali, Sportiello, Barba, Bianchetti, Izzo, Viviani, Baselli, Battocchio, Bernardeschi. All.: Di Biagio.

Arbitro: Karasev (Russia).

Marcatori: 25′ Belotti, 27′ Benassi, 72′ Benassi (I), 93′ Redmond (In)

Ammoniti: Zappacosta (I), Loftus-Cheek (In).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy