Tavecchio: “Conte con 2,5 milioni in più sarebbe rimasto e adesso saremmo in Russia. Su Balotelli…”

Tavecchio: “Conte con 2,5 milioni in più sarebbe rimasto e adesso saremmo in Russia. Su Balotelli…”

“Balotelli era il mio preferito ma…”

di Redazione ITASportPress

L’ex presidente della Figc Carlo Tavecchio, è tornato a parlare della mancata qualificazione dell’Italia al Mondiale in Russia in una lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. Tra i tanti temi trattati anche un’ammissione di colpa in merito alla gestione di Antonio Conte, commissario tecnico prima di Gian Piero Ventura.

RAMMARICO – “Il mio grande errore? Non aver dato a Conte i 2,5 milioni in più che voleva. Li avrei recuperati con 3 amichevoli. Antonio ne prendeva 4, ne chiedeva 6,5. Sarebbe rimasto in azzurro e noi oggi saremmo in Russia. Sicuro. Ma è giusto dare a un uomo solo ciò che investiamo per tutto il Settore Giovanile e Scolastico? Subito dopo la sconfitta con la Svezia, contattai Sacchi per convincere Ancelotti. Ero convinto che avrebbe accettato l’aureola del salvatore, ma costava troppo. A quel punto anch’io avrei scelto Mancini”.

BALOTELLIBalotelli? Mandai Ventura a vederlo a Nizza, tornò e mi disse che in squadra c’erano dei veti su di lui. Mario era il mio preferito, sono stato criticato per averlo ammesso. Alla vigilia di Italia-Svezia salii ad Appiano e dissi ai giornalisti: “Sono venuti in 30 mila da Napoli”. Mica potevo ordinare a Ventura: “Faccia giocare Insigne”. Ma l’ho fatto capire. Perché Gabbiadini che era rimasto fermo a lungo? Ero così nervoso che strigliai anche Oriali: muoviti, prova a fare qualcosa almeno tu!”.

Buffon dice addio all’Italia

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy