Il caso

AIC, Calcagno: “Serie B e C possono fermarsi ma la A non può e va preservata”

AIC, Calcagno: “Serie B e C possono fermarsi ma la A non può e va preservata”

Umberto Calcagno, presidente dell'AIC, ha parlato dell'attuale situazione del calcio italiano.

Redazione ITASportPress

Il presidente dell'Associazione Italiana Calciatori, Umberto Calcagno, ha parlato del rischio dello stop dei campionati, a causa del Covid-19, ai microfoni di Radio Marte: "Siamo in una fase difficile con preoccupazioni legate alla regolarità dei campionati. Le norme dovranno essere univoche e lo saranno nei prossimi giorni con il nuovo protocollo. La Serie B e la Serie C si sono fermate mentre la Serie A non può. La Serie A è il motore del nostro movimento e dobbiamo preservarla. Il nuovo protocollo va ancora definito e formalizzato. Resta da capire se all’interno della quota positivi ci saranno solo i giocatori o tutto il gruppo squadra. I calciatori non sono preoccupati. Non c’è una preoccupazione come nella prima fase della pandemia. Ci sono i presupposti per concludere al meglio il campionato".

 (Getty Images)
tutte le notizie di