Amauri spietato: “Nel 2012 vicino a trasferirmi al Milan. Segnai il gol che lanciò la Juve”

Amauri spietato: “Nel 2012 vicino a trasferirmi al Milan. Segnai il gol che lanciò la Juve”

L’ex attaccante decise le sorti dello scudetto 2011/12

di Redazione ITASportPress

Da titolare a scaricato, da “capro espiatorio” a ex “benedetto”. La storia di Amauri alla Juventus è stata davvero originale: l’attaccante italo-brasiliano non riuscì a trascinare i bianconeri al successo in prima persona, ma una sua rete contro il Milan permise alla sua vecchia squadra di prendere il largo nella volata scudetto 2011/12. L’ex bomber ricorda un aneddoto curioso ai microfoni di Sky Sport: “Marotta tentò di vendermi al Marsiglia, ma rifiutai. Sentivo l’appoggio di Conte, che però a quel punto mi mise fuori rosa. E pensare che a gennaio dovevo andare al Milan e non a Firenze. A fine mercato i rossoneri mi dissero che la trattativa non si sarebbe conclusa e io non potevo restare fermo per tutta la stagione. Il mio gol a San Siro permise alla Juventus, che vinse a Palermo, di conquistare la vetta della classifica che poi conservò fino alla fine”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy