ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Serie A

Atalanta, De Roon dopo ai tifosi chiede scusa anche all’arbitro

De Roon (getty images)

Il campionato della Dea si è chiuso con una sconfitta dopo il ko in Coppa Italia

Redazione ITASportPress

La sconfitta con il Milan nel match che ha chiuso la Serie A, ma il ko in finale di Coppa Italia contro la Juventus hanno gettato qualche ombra sull'ottima stagione dell'Atalanta di mister Gasperini. Il calciatore Marten de Roon è deluso della sua prestazione di domenica scorsa contro i rossoneri e per il gesto contro l'arbitro che gli è costato 4 turni di squalifica. De Roon ha voluto dire la sua su Twitter lanciando un messaggio ai tifosi e poi il giorno dopo anche all'arbitro: "Che anno incredibile di nuovo. Così orgoglioso di questa squadra, di questa città. Non orgoglioso della mia ultima azione in questa stagione, avrei dovuto fare meglio. Vorrei scusarmi con tutti quelli che ho coinvolto nella situazione. Vederci finire al 3° posto è qualcosa che ci meritiamo tutti dopo un anno del genere. Forza Atalanta!". Sono le parole del calciatore della Dea ai tifosi nerazzurri.

ARBITRO - Oggi invece le scuse all'arbitro Mariani: "Desidero sinceramente scusarmi con il signor Mariani, arbitro della nostra ultima partita. La mia azione nei suoi confronti è stata inaccettabile e sconsiderata, accetterò la squalifica di 4 partite e capisco che un'azione come questa non potrà mai ripetersi".

GIUDICE SPORTIVO - L'olandese paga l'episodio del minuto 92' dell'ultima giornata di campionato contro il Milan, quando ha colpito con una spallata il direttore di gara dopo essere stato espulso per aver colpito Krunic. Il giudice sportivo di Serie A ha squalificato l'olandese e gli ha imposto un'ammenda di 10mila euro "per comportamento scorretto nei confronti di un avversario (ottava sanzione): per avere, al 48° del secondo tempo, a giuoco fermo, colpito volontariamente la nuca di un avversario con un pugno, senza conseguenze lesive e, per avere, all'atto del provvedimento di espulsione, spinto leggermente con l'avambraccio il Direttore di gara".

 (Getty Images)
tutte le notizie di