Atalanta, Gosens elogia la Bundesliga: “Chapeau. In Italia siamo invidiosi”

Atalanta, Gosens elogia la Bundesliga: “Chapeau. In Italia siamo invidiosi”

L’esterno dell’Atalanta ha parlato della situazione del calcio in Italia e in Germania.

di Redazione ITASportPress
Gosens

La Bundesliga ripartirà sabato 16 maggio. Una data record che nessun’altra federazione è riuscita a garantire. In Italia l’ipotesi di ripresa è ricaduta sul 13 giugno, ma tanto dipenderà da quello che accadrà durante i ritiri delle squadre. In Spagna e in Inghilterra invece le Federazioni stanno aspettando ancora l’ok del Governo. In Premier la ripartenza sembrava vicina come quella tedesca, ma alcuni club e giocatori hanno ancora paura di scendere in campo. Intanto, dall’Italia arrivano gli apprezzamenti alla Bundesliga per sua tempestività.

Chapeau alla Bundesliga

Plea
Plea Borussia Moenchengladbach (getty images)

Il laterale tedesco dell’Atalanta Robin Gosens ha parlato della modalità in cui la Federazione tedesca ha ripristinato il campionato, seppur con regole ovviamente diverse. Un modo di fare invidiato dal nostro Paese: “Io alle 15,30 guarderò Borussia Dortmund-Schalke 04. Non si può che togliersi il cappello nel vedere come la DFL sia riuscita in poco tempo a riavviare la macchina del calcio: in Italia c’è un po’ di invidia, perché tutti noi vogliamo tornare in campo. Qui l’ipotesi è ancora lontana e in Germania stanno già ricominciando. Anche se giocare a porte chiuse non è certo il massimo”. Queste le sue parole rilasciate alla Bild. 

Bello ritrovarsi

Gosens
Gosens (getty images)

Sempre al quotidiano tedesco, Gosens ha parlato della ripresa degli allenamenti individuali: “È stato bello ritrovarsi, bello vedere le acconciature dei compagni: i parrucchieri qui sono ancora chiusi, alcuni si sono fatti tagliare i capelli dalle loro compagne, e si vede… Altri invece non hanno osato, e si è visto anche questo…”. Insomma, una battuta anche per smorzare quello che per l’Italia è un momento ancora delicato. Bergamo inoltre è stata una delle città più martoriate dalla pandemia.

ALLENAMENTI SOSPETTI, CREATO UN POOL INVESTIGATIVO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy