Atalanta, Percassi avvisa: “Evitiamo sindrome da ‘pancia piena’…”

Atalanta, Percassi avvisa: “Evitiamo sindrome da ‘pancia piena’…”

“Sono arrivati dei big: ci miglioreranno se resteremo umili”

di Redazione ITASportPress

Inizia una nuova stagione che promette scintille ed emozioni. In casa Atalanta non vedono l’ora di calarsi nelle varie competizioni: quest’anno, oltre alla Serie A e alla Coppa Italia, c’è la Champions League.

Difficile confermare l’altissimo livello mostrato nella precedente stagione, ma grazie all’impegno della società, che ha messo in rosa diversi nuovi innesti, non sarà impossibile. Per riuscirci, però, occorrerà tenere i piedi per terra e avere la stessa fame e lo stesso desiderio di stupire.

Lo conferma il patron della Dea Antonio Percassi che, ai microfoni dell’Eco di Bergamo, ha la ricetta per proseguire nell’ottimo cammino iniziato la passata stagione.

LAVORARE – “L’Atalanta è competitiva, tra un po’ di gare mi auguro di poter dire che è anche migliorata. Ma succederà solo se eviteremo la sindrome da pancia piena. Da un lato prendo atto della grande euforia che ci circonda e che di sicuro ci darà più forza. Ma dall’altra percepisco che il pericolo è lì, pronto a fare danni gravissimi. L’appagamento da traguardi raggiunti è un pericolo, l’auto-benevolenza che accompagna una sconfitta e poi una partita storta, unita all’autostima che ti fa rallentare o ritrarre la gamba. Tanto siamo forti…

ATTENZIONE – “Magari siamo forti, ma non perché siamo arrivati terzi e in Champions. Da domenica ci dimostreremo forti solo giocando ogni partita con spirito e atteggiamento da Atalanta. Altrimenti saremo una squadra appagata, e in serie A o in Champions se giochi con la pancia piena perdi con tutti“, ha concluso Percassi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy