ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Serie A

Bologna, Mihajlovic:”Dispiace affrontare un Milan così. Sul Festival attendo Amadeus…”

(Getty Images)

Il tecnico della squadra felsinea ha presentato il match contro il Milan di domani

Redazione ITASportPress

Alla vigilia della partita contro il Milan, il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic, nel corso della consueta conferenza stampa pre-partita, ha analizzato la gara che attende la sua squadra.

AVVERSARIO RIMANEGGIATO - Sulle diverse assenze del Milan, Mihajlovic ha rivelato:" Preferisco che le mie squadre avversarie giochino sempre con i migliori. Per questo mi dispiace che non ci siano Theo Hernandez e Brahim Diaz. C'è da dire che ho già diversi assenti io e non posso preoccuparmi anche dei loro. Io cerco comunque di lavorare su ciò che possiamo gestire noi, non su fattori esterni che non ci competono. Preferisco però sempre sfidare le squadre al completo, ma a me se giocano o non giocano non cambia nulla nella preparazione alla gara".

ASSENZE - Mihajlovic ha analizzato la sua rosa a disposizione per domani: "Dominguez ha un fastidio al soleo, lo valuteremo oggi in allenamento. Se non c'è lui, l'unica soluzione è quella di avanzare Medel con Binks in difesa. Schouten è tornato ieri ad allenarsi e non è in grandissima condizione. Ci sarà, ma non può giocare più di mezz'ora. Dijks invece si sta allenando e sta bene, avrà sicuramente il suo minutaggio nelle tre partite ravvicinate. Cambieremo sempre dove potremo".

ARBITRI - Il tecnico sulla situazione degli arbitri ha rivelato: "Dopo l'Udinese, mi aspettavo che gli arbitri ci chiamassero per dirci che sono cambiate le regole, da domani magari si possono fare i blocchi, almeno lo sappiamo e magari ci adegueremo. Non sono cose che noi possiamo controllare, noi ci dobbiamo concentrare su di noi, poi è tutta una lotteria".

Sulla possibile partecipazione ad un'altra edizione del Festival di Sanremo con Ibrahimovic: "Non credo, non ho sentito nessuno. Ma se il direttore è ancora Amadeus, allora mi chiama sicuro per come ho cantato. Ibra ha cantato da schifo, io sono invece un talento e una giovane promessa del canto".

 Ibrahimovic Sanremo (getty images)
tutte le notizie di